Rassegna Stampa

I ragazzi di Spalletti applaudono «Brava Roma, di lui puoi fidarti»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-01-2016 - Ore 07:07

|
I ragazzi di Spalletti applaudono «Brava Roma, di lui puoi fidarti»

GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - Qualcuno lo conosce bene e ci ha lavorato negli ultimi anni. Qualcun altro non lo vede e non lo sente da un po’, ma lo conosce altrettanto bene. Oggi Luciano Spalletti inizierà ufficialmente la sua seconda avventura da tecnico della Roma e, a Trigoria, ritroverà pochi volti noti rispetto al primo settembre 2009, quando è andato via. Tra questi, in un futuro più o meno prossimo, potrebbe esserci anche Mimmo Criscito, che con lui allo Zenit ha giocato 68 partite: «Sull’allenatore - ha detto il terzino a Sportitalia - c’è poco da dire, è una persona fantastica, sono contento che torni a lavorare perché gente così fa bene al calcio. Per la mia carriera è stato importante, mi ha voluto a San Pietroburgo, abbiamo trascorso insieme anni fantastici». 
RICORDI BRASILIANI Anni fantastici sono anche quelli che ha passato con lui Amantino Mancini. La leggenda, che poi tanto leggenda non è, racconta che Spalletti quasi rovesciò una scrivania di Trigoria per opporsi alla sua cessione, nel 2005. Insieme hanno vissuto tre anni, quelli in cui la Roma ha vinto 2 coppe Italia e una Supercoppa, e Mancini con il tecnico toscano in panchina ha giocato 132 partite segnando 44 reti: «Per la Roma è un arrivo importante, capisce di calcio, conosce bene l’ambiente e ha fatto la storia del club. È un uomo trasparente, che dice le cose in faccia e non si nasconde mai, anche quando la squadra non va bene. Spero che possa fare un grande lavoro». 
MAESTRO Secondo Mancini la grande qualità di Spalletti si vede nel lavoro quotidiano: il brasiliano, di tecnica, ne aveva da vendere (impossibile non ricordare il gol di tacco al derby nel 2003), ma dice comunque che l’allenatore toscano gli ha insegnato «a giocare a calcio. Non solo, mi ha insegnato tante cose tattiche, ad essere responsabile in campo e negli schemi, è stato fondamentale per la mia carriera [...]F ono felicissima del suo ritorno, è un grande allenatore, uomo e professionista. Mi auguro e auguro a lui di vincere lo scudetto, all’epoca ce lo meritavamo tutti quanti, ma avevamo purtroppo l’Inter che travolgeva tutto e tutti, oggi incrociando le dita credo che Spalletti possa riprendersi quello che nel 2008 non è riuscito ad ottenere». Quell’anno in squadra c’era Marco Cassetti: «Lui è bravissimo, ma certo non è facile prendere una squadra in corsa - racconta, ancora convalescente dopo un’operazione al naso - . Io con lui ho solo ricordi piacevoli perché anche quando perdevamo siamo sempre usciti dal campo a testa alta. Esprimevamo un ottimo calcio, quello è il suo marchio di fabbrica. Spero che si possa ripetere» [...]

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom