Rassegna Stampa

I rigori puniscono Garcia e Dzeko resta a guardare

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-07-2015 - Ore 07:59

|
I rigori puniscono Garcia e Dzeko resta a guardare
LA REPUBBLICA - Lo sciagurato cucchiaio di Doumbia ha privato la Roma di un bis nella International Champions Cup: ai rigori aveva battuto il Real, ai rigori s’è arresa al City, dopo aver rimontato due volte i mancuniani per il 2-2 finale. L’ivoriano ha sprecato il quinto, un matchball (con i giallorossi in vantaggio per l’errore di Kolarov): Joe Hart è riuscito a smanacciare in due tempi il suo pallonetto non proprio centrale, poi s’è tolto anche lo sfizio di dirgli qualche parolina. All’ultimo Europeo, Pirlo aveva beffato il portiere dell’Inghilterra proprio con un cucchiaio. Stavolta Joe è stato decisivo tre volte: prima di fermare Doumbia e quindi Keita, ha segnato dal dischetto con un destro violento e imprendibile.
L’osservato speciale, Edin Dzeko, è rimasto a guardare: solo in panchina contro quella che potrebbe essere la sua nuova squadra. Pellegrini ha preferito far debuttare Sterling, l’uomo d’oro arrivato dal Liverpool per 68 milioni: ci ha messo 3 minuti per segnare. Garcia ha riproposto il tridente con Iturbe, Totti e Gervinho, ha schierato Uçan con Pjanic e dato fiducia all’uomo mercato Romagnoli. Dopo l’1-0 di Sterling, Pjanic ha rimediato subito con una prodezza da 25 metri. La Roma è stata guardinga, ma ha avuto due grandi occasioni prima dell’intervallo (salvataggio di Mangala su Gervinho e colpo di testa pericoloso di De Rossi). Il City ha messo di nuovo il naso avanti dopo 5’, complice un errore di Cole che ha liberato Iheanacho davanti a De Sanctis. La Roma ha rischiato anche il terzo gol, ma poi ha trovato il 2-2 allo scadere con una punizione di Ljajic. Soddisfatto Garcia: «Due gare da imbattuti ci devono dare fiducia ma non bisogna cadere nella trappola e pensare che ora possiamo lavorare di meno. Gli avversari erano avanti nella preparazione, questo innalza il valore della nostra prestazione». Keita parla di «bilancio positivo, la squadra ha risposto molto bene per mentalità. Fisicamente è ancora presto per giudicare, dopo sole due settimane di preparazione, però stiamo bene». Venerdì a mezzogiorno il City affronta il Real, mentre la Roma sempre venerdì arriverà a Giacarta.

Fonte: LA REPUBBLICA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom