Rassegna Stampa

I sogni della Roma si scontrano con l’incubo Donadoni

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 21-11-2015 - Ore 07:03

|
I sogni della Roma si scontrano con l’incubo Donadoni

CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - Bologna-Roma avrebbe tanti motivi calcistici: i presidenti paisà (Saputo contro Pallotta), i d.s. esterofili (Corvino contro Sabatini), i grandi ex (Destro, ma anche il d.g. rossoblu Fenucci), il tecnico che fin qui ha sempre vinto contro quello che deve vincere il campionato (Donadoni, 2 su 2 da quando ha preso il posto di Delio Rossi, contro Garcia). 
Però Bologna-Roma è anche la prima partita di serie A del dopo-Parigi, con lo strascico di paure e di misure di sicurezza. Il Dall’Ara, che si è «allenato» martedì scorso con Italia-Romania, sarà il primo stadio in cui si suonerà la Marsigliese in ricordo della strage compiuta dai terroristi islamici. 
Rudi Garcia, quel venerdì 13, era allo stadio a vedere Francia-Germania, Antonio Ruediger era in campo con i tedeschi e Lucas Digne in panchina con i francesi. «I primi pensieri — dice Garcia — vanno alle famiglie dei feriti e delle vittime, hanno attaccato le nostre fonti di piacere. Dobbiamo rimanere uniti e continuare a vivere per non darla vinta a questi che non so neanche come chiamarli, non sono persone». 
Nel Bologna c’è il francese Mounier, ma sono francofoni anche Taider (Algeria) e Diawara (Guinea). Nella Roma c’è Seydou Keita, che è di Bamako, la capitale del Mali dell’assalto di ieri all’hotel Radisson. Non sarà facile pensare soltanto al pallone. Ma bisogna farlo perché, come dice Garcia: «È difficile, quando si arriva negli spogliatoi, bisogna tenere soltanto il piacere di fare il mestiere più bello del mondo». 
Il Bologna ci proverà con l’entusiasmo di 6 punti nelle ultime due gare (3-0 all’Atalanta e 2-0 a Verona) e con la voglia di Mattia Destro di farsi rimpiangere da chi lo ha bocciato dopo 24 gol in 57 presenze in maglia giallorossa. Ha una caviglia non al top, ma ha fatto di tutto per essere in campo oggi pomeriggio [...]

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

attilio tancredi 22/11/2015 - Ore 14:49

Maicon, anche con una sola gamba, dev'essere titolare nella roma di oggi! Iturbe: o non è un grande o non è ben utilizzato da un allenatore assai mediocre! Keita: poteva essere schierato su un campo di quel tipo solo da un allenatore assai mediocre. Hanno dimostrato personalità solo Fiorenzi e il centravanti! Sabatini deve comperare un grande terzino e un grande centrale (minimo 40 milioni) - altrimenti si finirà dopo Napoli, Inter, Fiorentina e Juventus. L'anno prossimo Ancelotti/Conte, altrimenti sarà la stessa musica!

chiudi popup Damicom