Rassegna Stampa

Il caso Garcia e il nodo Zecca. Sabatini shock: addio subito?

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 30-01-2016 - Ore 08:35

|
Il caso Garcia e il nodo Zecca. Sabatini shock: addio subito?

GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE Al quinto anno potrebbe cedere anche l’unico baluardo del famoso «progetto», quello con cui gli americani si affacciarono a Roma nel 2011. Il solo dirigente a non esser mai stato messo in discussione, anche se poi in discussione ci si è messo lui, riflettendo su passi falsi, fallimenti ed errori. Queste, però, potrebbero anche essere le ultime operazioni in giallorosso di Walter Sabatini, il d.s. delle plusvalenze, delle mille transizioni e dei tanti giovani. Almeno a dar retta a radiomercato, dove ieri un sussurro è pian piano diventato una voce assordante. «Walter Sabatini si dimetterà presto», il succo del discorso. E quel presto è molto prima di quanto si possa pensare, addirittura mercoledì prossimo, alla fine di questa sessione di mercato. Una voce che non trova conferme a Trigoria, ma che starebbe rimbombando sempre di più nel cuore del d.s. giallorosso. Che potrebbe portare a termine le ultime operazioni (ieri ha ceduto Mazzitelli al Sassuolo per 3 milioni) per poi farsi da parte. 

LE FRIZIONMa cosa sta agitando così tanto il d.s.? Di certo i continui fallimenti, con la Roma che parte sempre per vincere qualcosa e poi naufraga puntualmente a metà strada. Ma anche la considerazione di aver prodotto plusvalenze, ma non aver mai lasciato traccia di una squadra futuribile, con la necessità di ricorrere a girandole di giocatori e stratagemmi di finanza creativa. E infine, la consapevolezza di non avere più completa autonomia in quella che considerava un’area di sua esclusiva competenza, quella tecnica. Una sensazione acuita dall’esonero di Rudi Garcia (che il d.s. avrebbe tenuto, «se affonda lui affondiamo tutti») e dall’interferenza su alcune scelte di Alex Zecca, l’uomo di fiducia mandato da Pallotta per «supervisionare» tutto ciò che succede a Trigoria. Infine, l’ultimo passo, lo stallo sulla vicenda legata a Diego Perotti. 

STALLO PEROTTI Già, perché la Roma sull’argentino è ferma da tempo a causa della necessità di dover trovare prima le coperture economiche, in funzione anche dei paletti imposti dalla Fifa con le sanzioni del fair play finanziario. Così, finché non si riuscirà a piazzare Doumbia (definitivo il rifiuto al Fenerbahçe, in Inghilterra lo vogliono Newcastle e West Ham) non si potrà chiudere la trattativa per Perotti (la speranza è sbloccarla in 48 ore). L’ultima amarezza di Sabatini nascerebbe anche da questo, dalla necessità di dover continuare a trovare soldi in giro per il mondo per poi doversi accollare le critiche della gente, insoddisfatta delle sue campagne acquisti. Insomma, tanti oneri e troppo pochi onori, il suo pensiero. 

LE SCELTE Nel caso in cui Sabatini decida davvero di dimettersi e Pallotta non riesca a fargli cambiare idea, la Roma virerebbe su Marco Branca, l’ex d.s. dell’Inter. O lui o Pantaleo Corvino, magari con uno «scambio» di d.s. con il Bologna, dove potrebbe approdare proprio Sabatini. O, anche, l’idea pazza di Pallotta, con lo stesso Zecca come d.s. Per saperlo bisognerà però aspettare poco. Forse anche solo fino a mercoledì. 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom