Rassegna Stampa

Il City: per Benatia pronti 37,5 milioni

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 02-07-2014 - Ore 09:26

|
Il City: per Benatia pronti 37,5 milioni

Indiscrezioni, presunte offerte, bluff e attese strategiche. Il mercato “grosso” della Roma è in fermento, ma di fatto si è rimasti fermi a fine maggio. A sbloccarlo potrebbe essere il viaggio di Sabatini e Baldissoni che ieri sera si sono imbarcati per Milano. E quando si muovono sia il ds che il dg vuol dire che l’affare è grosso, come l’offerta trapelata ieri dall’Inghilterra, sponda Manchester City, per Benatia: 37,5 milioni alla Roma e oltre 3,5 al giocatore che già da tempo ha dato il suo benestare al trasferimento Oltremanica. A Trigoria però assicurano che nessuno si è fatto vivo e che oltre a “far ridere” il marocchino bisognerà “far ridere” pure Pallotta.

L’impressione è che presto l’offerta arriverà e la Roma sarà disposta ad ascoltarla per risolvere una grana che si complica col passare delle ore e raddoppiare il budget di mercato destinato a 4 acquisti: il sostituto di Benatia, il terzino sinistro titolare e due attaccanti. Per il posto del marocchino sono in lizza diversi nomi: Balanta (che però è extracomunitario), Manolas, Godin e Malonga.

Per il terzino sinistro, scartato Adriano, resistono le candidature di Gabriel Silva e Darmian. Un altro colpo dal mercato svincolati, almeno secondo il Daily Mirror, potrebbe essere quello di Ashley Cole al quale il Chelsea non ha rinnovato il contratto. Il terzino sinistro, 33 anni, chiede però 3 milioni a stagione. Più variegato il mercato delle punte. La Roma sembra essersi ritirata per Iturbe soprattutto alla luce della cessione di Marquinho (una delle possibili contropartite) all’Al Ittihad in prestito.

È rispuntato invece Cerci dopo l’incontro di lunedì sera a Trigoria tra Sabatini e Sergio Berti procuratore però anche di Markovic, esterno classe ‘94 del Benfica molto apprezzato da Garcia. Il prezzo del granata, dopo il mondiale disastroso, si è abbassato ma non convince tutti a Trigoria. A differenza di Douglas Costa, in fuga dall’Ucraina vessata dalla guerra civile e in rottura con lo Shakthar che lo valuta sui 14 milioni. L’agente è Roberto Calenda, che a Roma ha già Maicon e Dodò e che in questi giorni si è fatto vedere a Trigoria. Per il ruolo di seconda punta si valutano operazioni low cost: dal Papu Gomez a Carrasco che nelle ultime ore ha superato l’argentino visto lo status da comunitario. Infine Uçan: il turco è atteso lunedì a Roma, ma potrebbe sottoporsi alle visite mediche a Verona dove finirà in prestito per una stagione.

Fonte: LEGGO - BALZANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom