Rassegna Stampa

Il giudice dà ragione alla Curva

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-10-2015 - Ore 08:20

|
Il giudice dà ragione alla Curva

IL TEMPO - OSSINO - I fumogeni accesi durante la manifestazione dei tifosi della Roma contro le barriere interne alla curva non sono punibili. La protesta dei giallorossi è legittima in quanto il «pacchetto di misure preventive», secondo il tribunale di Roma, «è avvertito (...)come pesantemente discriminatorio ed immotivatamente punitivo». É destinata a far discutere la sentenza emessa dal Gip di piazzale Clodio che, non convalidando il provvedimento di Daspo emesso dal questore nei confronti di un ragazzo che aveva acceso un fumogeno, afferma che il dissenso espresso dai tifosi giallorossi contro le misure adottate dal prefetto è legittimo.

Era il 20 settembre. Il Sassuolo confermava di essere l'incubo della Roma inchiodandola sul 2 a 2. E mentre Totti festeggiava la rete numero 300, fuori dall'Olimpico si giocava tutta un'altra gara, quella tra i tifosi e il prefetto Gabrielli. Non guardando le partite dal vivo i sostenitori hanno preferito protestare all'esterno dello stadio contro questa contestata formula adottata dal prefetto in vista di una maggiore sicurezza. Quel giorno di settembre numerosi tifosi erano rimasti all'esterno dello stadio. La questura era dunque intervenuta fermando un ragazzo che brandiva un fumogeno. La pena prevista era stata molto severa: 5 anni di Daspo, l'impossibilità dunque di assistere alle partite nazionali e internazionali e l'obbligo di presentarsi in questura durante le partite che la Roma avrebbe dovuto giocare in casa. Assistito dall'avvocato Lorenzo Contucci il ragazzo, suo malgrado, si è reso protagonista di una sentenza che appare far vincere ai tifosi il match disputato contro il prefetto.

Non convalidando il provvedimento il giudice, oltre a sottolineare che la misura adottata dovrebbe essere «confortata sotto il profilo sostanziale e di riflesso, del percorso motivazionale della ricorrenza dei presupposti imprescindibili di pericolosità del soggetto», ha affermato che dalla ricostruzione dei fatti non emergono «i motivi di allarme enfatizzati nel provvedimento sanzionatorio e quelle connotazioni di marcata pericolosità per l'ordine pubblico, ingiustamente addebitate ad una pur estemporanea manifestazione di protesta, che, al di là di un corale e chiassoso atteggiamento oppositivo, non risulta essere mai trasmodata in iniziative potenzialmente lesive per l'incolumità dei presenti, fatta eccezione per il temporaneo fastidio prodotto dalle emissioni di fumo».

Ma c'è dell'altro: «Il nutrito gruppo di tifosi romanisti - scrive il gip - si è limitato a non accedere all'interno dello stadio ed a stazionare nelle aree esterne per tutta la durata dell'incontro allo scopo di esprimere simbolicamente la propria posizione critica avverso un pacchetto di misure preventive che, comportando a creazione di barriere all'interno dello spazio da sempre, unitariamente e tradizionalmente, condiviso dalle frange più appassionate dei sostenitori capitolini, è avvertito, non soltanto dai cosiddetti ultras ma anche da consistenti settori della società civile, come pesantemente discriminatorio e immotivatamente punitivo, specie nei confronti degli spettatori che si sono premuniti, affrontando la relativa spesa, dell'abbonamento annuale per assistere alle partite casalinghe dalle postazione destinate ad essere materialmente soppresse all'esito della realizzazione delle strutture divisorie». Insomma la protesta è legittima e i motivi del dissenso sono fondati. Ma in fin dei conti, una curva vuota, come si rivedrà stasera in Roma-Udinese, è una sconfitta per tutti.

Fonte: IL TEMPO - OSSINO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom