Rassegna Stampa

Il gol di Dybala rallenta la Roma, ma Destro la tiene in corsa

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 18-01-2015 - Ore 11:14

|
Il gol di Dybala rallenta la Roma, ma Destro la tiene in corsa

Si può vincere lo scudetto giocando come la Roma ha fatto ieri a Palermo e, in generale, da dicembre a questa parte, pareggiando quattro volte (Sassuolo, Milan, Lazio e Palermo) e vincendo solo due? La risposta è no e, anche se c’è ancora da disputare tutto il girone di ritorno, è necessario che Rudi Garcia e Walter Sabatini decidano in fretta cosa fare nei giorni che mancano prima della chiusura del mercato. Non è tanto la Juve, che oggi può andare a +5, il vero problema. Si sono viste rimonte anche più clamorose. Il problema della Roma è la Roma stessa e può essere sintetizzato in quattro punti: 1) la squadra regala almeno un gol a partita, ieri è toccato ad Astori dopo due minuti; 2) senza Totti e Gervinho non ci sono personalità, classe e quel pizzico di anarchica follia che fanno vincere le gare; 3) non si riesce più a vedere una partita dove almeno 7/8 giocatori giocano contemporaneamente ad alto livello. Ieri, per esempio, nel primo tempo ci ha provato soltanto Ljajic che, nella ripresa, è calato tanto; 4) il cambio con Verde, ragazzino della Primavera, a un quarto d’ora dalla fine, è sembrato a qualcuno un ritorno a Luis Enrique e a qualcun altro una specie di grido disperato: servono acquisti!

Con altrettanta forza si può dire non solo che il Palermo è già salvo ma che, con questi Dybala (decimo gol) e Vazquez (assist), più l’organizzazione data da Iachini agli operai specializzati, si può pensare all’Europa League. I siciliani hanno retto bene. Sorrentino non ha dovuto fare nessuna parata importante e il gol è stato subito su azione da palla inattiva: punizione di Pjanic, sponda di Strootman e tocco sporco ma vincente di Destro. Dato che Destro è arrivato al quinto gol in campionato, con un minutaggio inferiore a quello degli altri attaccanti (821 minuti) è chiaro che il discorso sul centravanti monopolizzerà i prossimi giorni. Al di là del gol Destro non ha fatto praticamente nulla, ma il gol ha portato un punto in classifica. Cosa conta di più? E, soprattutto, come gestire il giocatore nei prossimi giorni, viste anche le sue parole nel dopo gara: «Ora sono un giocatore della Roma e cerco di dare il massimo per questa maglia. Può essere il gol del congedo? Questo non lo so». La Roma era piena di assenze: De Rossi e Nainggolan squalificati, Gervinho e Keita in Coppa d’Africa, Torosidis infortunato e Maicon in panchina dopo le ultime prove disastrose. Il problema, però, sono stati anche i presenti: Iturbe che, oggi, vale forse un quinto dei 30 milioni pagati quest’estate da Sabatini; Astori sciagurato nell’assist-harakiri; Florenzi che, da terzino, non ha mai inciso.

Garcia ha fatto esordire dal primo minuto Paredes (16’ con il Chievo e 38’ con la Roma in tre spezzoni), facendogli fare il trequartista nel 4-2-3-1 dell’inizio. Una scelta eccentrica. È andato un po’ meglio da centrocampista. Il Palermo ha colpito subito e poi ha potuto fare il gioco che sognava: aspettare e ripartire. Il dato più sorprendente è che anche la qualità del gioco manovrato del Palermo è stata superiore a quella della Roma, almeno fino a quando Vazquez ha avuto fiato. La Roma ha attaccato di più, ma la vera occasione per vincere, sull’1-1, l’ha avuta Dybala. È stato bravo De Sanctis a ipnotizzarlo. Ma un punto basta?

Fonte: Corsera

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom