Rassegna Stampa

Il nuovo Balo è senza posto

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 12-11-2014 - Ore 09:08

|
Il nuovo Balo è senza posto

Niente tweet, ma flessioni. La nuova vita azzurra di Mario Balotelli sorprende solo fino a un certo punto Antonio Conte che, del resto, lo considera «uno qualsiasi». Il Bad boy, da quando ha rimesso piede in Nazionale, si sta comportando proprio come vuole il ct. Attento e disciplinato sempre e comunque. In campo negli addestramenti e davanti al video per le lezioni tattiche. E rispettando tutti. Come se, a 24 anni, ricominciasse da zero. Cancellando le 33 presenze e i 13 gol in meno di quattro anni con l’Italia di Prandelli, gli alti di Euro 2012 e i bassi del mondiale 2014. Ha pochi giorni per convincere chi lo ha voluto a Coverciano. Domenica, prima dello scontro diretto con la Croazia a San Siro, saprà se avrà superato l’esame.

RISVEGLIO PUNITIVO Balotelli fa le flessioni in campo. Anche qualche compagno si chiede che cosa sia successo. Ma chi era con Mario a fare il torello ha la risposta pronta. Ha perso e quindi deve pagare davanti ai vincitori. Giù, sdraiato sull’erba. E a piegarsi più volta sulle braccia. Il fisico lo aiuta. Così mostra il sorriso a chi lo prende in giro. E’ probabile che stenderebbe qualcuno con un diretto. Ma si presta al gioco e alla punizione. Sta lì, dimostra di volersi integrare nel gruppo che Conte sta ricostruendo, a fatica, anche perché gli infortuni non danno tregua. Il paragone con l’ultimo mondiale è automatico. Almeno due volte, sul campo del resort di Portobello, Balotelli mandò a quel paese i collaboratori di Prandelli. Se la prese con i preparatori. Urlando: «Questi esercizi non servono a niente». E via. Cioè abbandonò il campo. Come quando scappò sul pullman a Natal, prima ancora di sapere da Prandelli che sarebbe stato sostituito nell’intervallo della partita contro l’Uruguay. L’ultima in azzurro. Per ora. 

PRANZO DEL DISGELO A tavola SuperMario lascia per una volta il Faraone. Di solito sta sempre con El Shaarawy, suo ex compagno nel Milan. Ieri, invece, Balotelli si è seduto accanto a Buffon. Per chiarirsi sul passato che spesso ritorna nelle chiacchiere degli azzurri. Se De Rossi è più concentrato sulla centesima in azzurro, il portiere capitano ha voglia di ricostruire il rapporto con l’attuale centravanti del Liverpool. Malignità, pettegolezzi e accuse li hanno riguardati dopo il flop in Brasile. Adesso sono lì, nella sala da pranzo di Coverciano, a guardarsi negli occhi. 

IRONIA IN RETE Fa impressione che Mario non abbia più usato Twitter dal 28 ottobre e che Gigi sia da solo al comando della classifica interna. Davanti a Chiellini. Lui si comporta come gli chiedono e, invece, da casa lo mettono in difficoltà. E proprio davanti a Conte. E’ sempre e comunque Balotelli a usare i social network, ma in questo caso Enoch, 21 anni, e non Mario. Il fratello naturale non gli dà certo una mano quando posta su Instagram quel fotomontaggio che fa ridere. Il sorriso del bambinone nero, a 32 denti, con i capelli del ct. Si chiama Mario Conte e va bene così. Il trapianto è riuscitissimo e l’immagine fa il giro del mondo.

SOLO RISERVA A Coverciano, invece, fa il giro del campo. Perché Balotelli, pure nei due allenamenti di ieri, non è mai titolare. Al mattino fa parte del tridente di scorta con Pellè e Giovinco. Dall’altra il tandem preferito del ct: Immobile accanto a Zaza. Di pomeriggio non è in nessuna delle due formazioni. Guarda da fuori la partitella insieme con l’amico El Shaarawy. E si alterna con Pellè accanto a Giovinco. Conte sta provando il 3-5-2 senza Mario: Buffon; Ranocchia, Ogbonna, Chiellini; Darmian, Candreva, De Roossi, Marchisio, De Sciglio; Immobile e Zaza. Balotelli per giocare deve imparare i movimenti. Pochi, mai da anarchico.

Fonte: IL MESSAGGERO - TRANI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom