Rassegna Stampa

Il nuovo Pjanic è multiuso. E la Roma trova più fantasia

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 07-10-2015 - Ore 06:58

|
Il nuovo Pjanic è multiuso. E la Roma trova più fantasia

GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI/PUGLIESE - Ehi, lì sotto c’è un errore. Quel 4 vicino a Pjanic, vicino al numero di ruoli ricoperti nella Roma, è sbagliato. È fuorviante. È riduttivo. Perché da «Mali Princ» qual è, da Piccolo Principe che ha fatto innamorare Bosnia e Roma, in estate si è attaccato al telefono come un vero direttore sportivo. E ha piazzato un colpo d’oro, preciso come i suoi calci di punizione. Dzeko è a Roma perché c’è Pjanic. Basterebbe questo. E se serve altro, ecco il campo. Ecco il Miralem più completo e continuo da quando è a Roma. Ecco l’altro Miralem, quello che il pallone se lo va a prendere, non aspetta che siano altri a portarglielo. La pensata di Rudi Garcia non è stata malvagia: la regia a Pjanic, poi le probabilità che il film venga fuori bene sono elevate. 
QUANTE SOLUZIONI E così è nata un’altra Roma. In principio era De Rossi, regia che pensa a coprire le spalle altrui, prima diga di una linea difensiva troppo spesso in aperta difficoltà. Ma poi De Rossi difensore lo è diventato davvero, in un reparto che ha via via perso pezzi. E allora ecco Keita, gli occhi di Garcia in campo, l’esperienza al servizio dei compagni, le linee di passaggio in verità molto più sporcate quando il pallone ce l’hanno gli altri, che immaginate quando il pallone è sui piedi del maliano. Più distruzione che costruzione: un cameraman, più che un regista. In mezzo pure l’esperimento Nainggolan, naufragato in una notte sola, quella della disfatta in Bielorussia. A Palermo Garcia s’è invece affidato mani e piedi, testa e cuore, alle linee immaginarie di Pjanic. Ai suoi tocchi, ai suoi inserimenti — vedi il gol dopo neppure due minuti —, alle sue istruzioni per l’uso: come uscire da una crisi. 
CONFERMA IN VISTA È andata bene. Ma mica è finita. Perché Garcia vuole continuare su questa falsa riga, almeno finché non riavrà Keita (out per un altro mese) o la possibilità di rispostare De Rossi in mediana. È stato chiaro a Palermo. «Finché non riavrò una delle due soluzioni, andremo avanti così». Perché è vero che con Pjanic in regia perdi qualcosa in fase offensiva, ma acquisti un’infinità di soluzioni in impostazione. Una su tutte, la qualità con cui esce la palla, le geometrie con cui la Roma avvia la manovra, un «giropalla» più fluido. Rispetto a De Rossi e Keita il bosniaco ha un piede più delicato, un cervello (calcistico) più fino e movenze da regista vero. Del resto, in quel ruolo aveva già giocato, sia in nazionale sia a volte in Francia. A Garcia, probabilmente, sono tornate in mente proprio quelle partite lì, affidandosi a lui a cominciare dal secondo tempo di Borisov. Con due moduli di riferimento, il 4-2-3-1 e il 4-4-2. Niente più 4-3-3, perché Mire, anche da regista, ha comunque la tendenza ad andare ed allora serve comunque qualcuno che gli copra le spalle. Da domenica, però, è certa una cosa, i suoi mille modi di poter stare in campo. 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - STOPPINI/PUGLIESE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom