Rassegna Stampa

Il primo inno della Roma era un tango

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-06-2016 - Ore 16:44

|
Il primo inno della Roma era un tango

IOGIOCOPULITO.ILFATTOQUOTIDIANO.IT - CURCIO - A più di ottant’anni dalla sua composizione, la "Canzone di Testaccio" è ancora intonata dai tifosi della Roma. È un modo per coltivare la memoria dei tempi giocati all’ombra del Monte dei Cocci, ma è anche un’esortazione rivolta agli undici in campo:tirate fuori lo spirito testaccino di un tempo. Nonostante la sua diffusione, pochi sanno che la canzone fu composta sulle note di "Guitarrita", un tango scritto da Bixio Cherubini e Armando Fragna nel 1930.

Il compositore Fragna e il paroliere Cherubini scrissero "Guitarrita" per la colonna sonora del film romantico-popolare "La canzone dell’amore", diretto da Gennaro Righelli e presentato a Roma il 6 ottobre 1930. Il film, tratto dalla novella "In silenzio" di Pirandello, è la prima opera cinematografica col sonoro di produzione italiana.

L’anno successivo, il paroliere e poeta Totò Castellucci compose sulle note di "Guitarrita" quella che al tempo veniva chiamata la "Canzona de Testaccio", oggi nota anche col semplice titolo di "Campo Testaccio". Grazie al suo contributo, l’incipit del tango ("Sotto le stelle nell’Argentina / bruna regina regnavi tu") divenne il celebre "Cor core acceso da ‘na passione / undici atleti Roma chiamò". L’attività di Castellucci come autore di testi dedicati all’AS Roma non si limitò a questa occasione, tant’è che negli anni ’50 uscì addirittura un suo "Canzoniere giallorosso".

A Roma la tradizione di ideare canti calcistici sulle note di canzoni già famose ha dunque radici che vanno ben oltre i cori ideati su "La partita di pallone" di Rita Pavone o "La notte vola" di Lorella Cuccarini. Tuttavia, non dobbiamo immaginare la "Canzone di Testaccio" come un brano frutto di quella "creatività collettiva" che risiede nelle curve e che tanti capolavori ha regalato alla cultura sportiva italiana. Castellucci infatti compose il brano per il primo film italiano dedicato al calcio: "Cinque a zero" di Mario Bonnard, uscito nel 1932, del quale oggi sarebbe rimasta una sola pellicola in lingua francese.

Il film trae ispirazione dallo storico celebre 5-0 assestato dalla Roma alla Juventus il 15 marzo 1931 e vede la partecipazione di buona parte della rosa romanista, tra cui Ferraris IV, Bernardini, Volk e Masetti, nonché di Zi’ Checco, storico custode di Campo Testaccio. Nella commedia di Bonnard le vicende calcistiche fanno da sfondo a due storie di coppia: l’amore tra il centravanti della squadra e una ballerina del varietà e il rapporto tra il presidente, interpretato dal celebre Angelo Musco, e la moglie allergica al calcio, che alla fine del film diviene una grande tifosa.

Fonte: Iogiocopulito.ilfattoquotidiano.it - Curcio

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom