Rassegna Stampa

Il rebus delle panchine

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 27-03-2016 - Ore 08:01

|
Il rebus delle panchine

IL MESSAGGERO - TROTTA - Conferme, rinnovi e spostamenti agitano le panchine italiane. Una composizione più lenta rispetto a quella degli illustri cambi europei. Il Manchester City con Guardiola, il Bayern Monaco con Ancelotti e il Chelsea con Conte hanno definito i loro incarichi con largo anticipo, ma le scelte del calcio italiano rimangono influenzate dalle future collocazioni di diversi direttori sportivi e dai finali di stagione spesso turbolenti. Al Milan, per esempio, sono attese grandi novità a livello tecnico e manageriale, con Galliani in pressing su Sabatini nel ruolo di ds. La prima scelta per la sostituzione, attesa, di Mihajlovic (il serbo è un nome molto caldo per la Lazio) resta Di Francesco. Le parti sono molto vicine nonostante gli approcci tra Berlusconi e l’allenatore della Primavera rossonera Brocchi. Il tecnico del Sassuolo, desideroso di fare il salto di qualità, per qualità anche umane e bel gioco espresso, si conferma il profilo maggiormente votato dai vertici meneghini, oltrechè dalla Fiorentina. Il club neroverde è già corso ai ripari, avviando i contatti con Giampaolo e Iachini. Intanto la Juventus ed Allegri stanno definendo il rinnovo con relativo adeguamento economico. Il livornese vedrà salire il suo stipendio - dai 3.5 milioni attuali ai circa 4.5/5 milioni fino al 2018 con opzione 2019 - e accrescere la sua influenza sul mercato: un giusto riconoscimento ai risultati sportivi ottenuti e un premio per la valorizzazione dei giovani, Dybala su tutti. I prossimi incontri serviranno così alle parti per approfondire la campagna rafforzamento: un trequartista di livello, un attaccante top e almeno un forte difensore. L'Inghilterra resta una scelta rinviata mentre l'opzione Real va inquadrata come una suggestione. Prossimo rinnovo anche per Sarri: entro il 30 aprile il presidente De Laurentiis potrà esercitare l'opzione prolungamento (richiesto dal tecnico un aumento dell'ingaggio) programmato su base quinquennale.
L’ADDIO Divorzio atteso invece nella Torino granata. Per il post-Ventura sono seguiti Gasperini e Stellone. Attenzione anche a Juric, tecnico rivelazione del Crotone e scelta privilegiata del Genoa. L'Udinese ha deciso di puntare su Pioli, destinato a lasciare la Lazio e accostato anche alla Fiorentina. Il club viola, dove potrebbe tornare Corvino come ds, dovrà confrontarsi con Sousa sui rispettivi programmi dopo le frizioni sul mercato. I dubbi sul futuro del portoghese, sul taccuino dello Zenit e diverse società straniere, sono sempre attuali. Corteggiamenti anche per Donadoni, blindato dal Bologna: il rossoblu insieme a Capello (sogno di Tavecchio), Di Biagio, Lippi (nel ruolo di dt), Ventura e Mazzarri è tra i candidati per la Nazionale. La Roma, infine, tifa Olympique Marsiglia per il tesseramento di Garcia, sotto contratto con i giallorossi fino al 2018. Il tecnico francese è stato accostato al club transalpino per il post-Michel, ma le priorità della società di Marsiglia, messa in vendita, sono altre: il futuro della panchina potrà essere programmato solo quando si conosceranno i nuovi investitori. 

Fonte: IL MESSAGGERO - TROTTA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom