Rassegna Stampa

Il ritorno a Pinzolo per la nuova Roma ad altezza Dolomiti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-06-2015 - Ore 10:16

|
Il ritorno a Pinzolo per la nuova Roma ad altezza Dolomiti

GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - «A Pinzolo rifletteremo su cosa non ha funzionato la scorsa stagione. Quanto ai nuovi, abbiamo considerato prima l’uomo e poi il calciatore». Parola di Rudi Garcia? No. Di James Pallotta? Neanche. Parole di Dino Viola, datate luglio 1989. Passano gli anni, cambiano allenatori (all’epoca Radice), presidenti e giocatori (Francesco Totti aveva appena 13 anni), ma la sostanza è più o meno la stessa: la Roma riparte da Pinzolo. Con Radice arrivò sesta, l’anno successivo, sempre partendo da Pinzolo, le cose andarono meglio visto che, con Bianchi, la Roma vinse la Coppa Italia e arrivò in finale di Coppa Uefa, dove venne sconfitta dall’Inter.DA CONTI A TOTTI - Con quelle lacrime Bruno Conti lasciò la Roma e il calcio professionistico e l’ultimo ritiro lo visse proprio a Pinzolo. La storia si ripeterà, visto che, a oggi, quello tra le Dolomiti rischia di essere anche l’ultimo ritiro di Francesco Totti. In questi giorni il capitano è in vacanza all’estero con la famiglia, tornerà a fine mese per andare (anche) a Merano, dal professor Chenot, per rimettersi in forma attraverso dieta disintossicante e massaggi. Intanto, a Pinzolo, lo aspetta la suite «Penelope» dell’hotel Beverly, la più grande e la più bella, con tanto di vasca idromassaggio. Per il capitano e i senatori (o almeno quelli che ci saranno) camera singola, per tutti gli altri doppia o, in alcuni casi, anche tripla.

VERSO IL SOLD OUT - A Pinzolo è praticamente tutto pronto: dal campo di allenamento alla palestra, passando per piscina e sauna, le strutture per la squadra già ci sono. Anche quelle per i tifosi stanno per essere allestite, dal Fan Village (che aprirà il 3 luglio, la squadra arriverà il 5 sera o il 6 mattina per andare via l’11) alla tribunetta a ridosso del campo. Gli albergatori sono soddisfatti, nonostante, tra mercato, Coppa America e qualificazioni europee, i big in Trentino saranno davvero pochi: per ora è stato prenotato circa il 65% delle strutture a disposizione, gli organizzatori contano di arrivare all’80% entro la fine del mese, con qualche migliaio di tifosi pronti a partire.

CAPOSPEDIZIONE - A guidare il gruppo sarà Manolo Zubiria, il nuovo team manager diventato anche responsabile della logistica. Dopo mesi di apprendistato e di lavoro con la Primavera, sarà per lui il battesimo in prima squadra, ma non è detto che sia solo perché i dirigenti (soprattutto Baldissoni) potrebbero far parte della comitiva. I calciatori, come lo scorso anno, incontreranno i tifosi giallorossi nel Village a loro dedicato, poi dovrebbero essere presentati con una festa nella piazza del paese. Previsti anche (mercoledì 8 luglio) eventi dedicati ai bambini, mentre giovedì 9 riflettori puntati su Totti e Garcia, al centro di una serata tutta dedicata a loro. Chiusura sabato 11 con un’amichevole.

PRIMAVERA - Per chi, poi, vorrà trascorrere in Trentino qualche altro giorno, ci sarà ancora la possibilità di vivere un po’ di giallorosso, visto che la Primavera sarà ospitata dal 14 al 21 luglio nelle stesse strutture di Totti e compagni. Con la speranza che Pinzolo porti fortuna anche ai ragazzi: in fondo, nel 1990 la Primavera finse il campionato, mentre l’anno successivo portò a casa il Viareggio.

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom