Rassegna Stampa

Il serbo è ceduto per 11 milioni, firma per 5 anni

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 28-08-2013 - Ore 09:30

|
Il serbo è ceduto per 11 milioni, firma per 5 anni

 Quelli di via dell’Arcolaio, a Firenze due strade per tagliare verso lo stadio , aspettavano notizie sull’uscio di casa o dei negozi. Aspettavano solo l’ufficialità dell’addio, attesa che spiega il feeling scarsissimo creato da Adem Ljajic con la città, e in prima battuta coi vicini d’appartamento. Ma i dirimpettai riavranno la loro quiete (raccontano di rientri spesso un po’ troppo rumorosi), e contemporaneamente Ljajic una dimensione nuova dove provare a far sbocciare il suo talento.

Clausola da venti milioni Affare concluso con la Roma. Adem sarà compagno di Totti per undici milioni più bonus di circa due milioni, ultimi dettagli di un’intesa tra i club che verrà definita oggi (ma è probabile che nelle casse viola entri anche qualche euro in più). Il serbo, perciò, rinuncia per il momento al sogno Milan grazie a un quinquennale da circa due milioni di euro a campionato, più di tre volte di quello che intascava a Firenze (netto in busta paga di 600 mila, con svincolo gratuito nel giugno 2014). In queste ore a Roma anche Ljajic (col suo staff) incontrerà i dirigenti giallorossi per l’ultima definizione del nuovo ricco legame, che prevede anche l’inserimento di una clausola rescissoria da circa venti milioni di euro. L’attaccante sosterrà poi le visite mediche prima di diventare ufficialmente romanista. Di fatto lo è già: le società hanno comunicato di aver trovato l’accordo, e papà Samir e il manager Ramadani hanno confermato l’okay al contratto.

«Grazie di tutto» Viola dall’inverno del 2010, Ljajic ha raccolto ieri, al centro sportivo della Fiorentina, le ultime cose dall’armadietto numero 22, cifra stampata anche sulle spalle in onore all’idolo Kakà. E’ poi uscito in auto con un paio di buste in bauliera, prima di entrare e uscire per l’ultima volta dallo stadio di Firenze,dove, in mezzo al prato, ha rilasciato l’intervistasaluto al canale tematico del club, che aspetta ora l’annuncio ufficiale per accenderla on line. «A Firenze sono stato molto bene e voglio ringraziare tutti i tifosi che mi sono stati vicino», il senso delle sue dichiarazioni. Ma adesso per lui è arrivato il momento di voltare pagina. La Roma lo aspetta come sostituto di Lamela, centrando così il primo obiettivo della lista.

La giornata Ljajic ha passato la mattinata segregato in casa con papà Samir. Alle tre e mezzo del pomeriggio la prima tappa in sede per definire, con gli uomini mercato viola, la sua uscita di scena. Poi l’appuntamento al centro sportivo per il saluto al gruppo, il rientro al Franchi per la consegna dell’ultima intervista e la nuova fuga in dribbling, in silenzio e senza sorrisi. Col broncio Adem ha attraversato tutte le ultime settimane, condizione che ha portato Montella e la dirigenza viola a lavorare fitto per la cessione della punta. E poi a premere perché il trasferimento fosse verso Sud e non verso Nord, cioè al Milan, l’italiana che per prima aveva sondato il possibile affare «lowcost», corteggiamento che ha però irrigidito la Fiorentina, poi ufficialmente indispettita per una «offerta irricevibile, sicuramente tardiva e di certo inopportuna ». Muro viola verso i rossoneri continuamente ribadito, e poi in effetti confermato dagli eventi.

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom