Rassegna Stampa

Il sogno di Pallotta: "Stadio finito nel 2019"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 14-09-2016 - Ore 07:12

|
Il sogno di Pallotta:

LA REPUBBLICA - CILLIS - A Mezzogiorno in punto James Pallotta, il patron della As Roma, varca l’ingresso della Regione. È il primo incontro tra lui e il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. Non è un giorno qualsiasi: 24 ore prima l’assessore alle politiche del Territorio e alla tutela ambientale, Michele Civita, ha annunciato l’avvio della conferenza dei servizi, l’iter per l’approvazione del progetto del nuovo stadio giallorosso a Tor di Valle. La società sportiva è così ufficialmente seduta al tavolo delle istituzioni per ottenere l’ok al planning. Un percorso che durerà fino al 6 marzo del 2017: da ieri la Regione ha così aperto la pratica, come di sua competenza, dopo che il Campidoglio lo scorso 6 settembre gli ha inviato l’ulteriore documentazione richiesta. E il tycoon di Boston che non nasconde il suo desiderio di poter abbandonare nel giro di tre anni l’Olimpico alla fine dell’incontro spiega: «Abbiamo la speranza di inaugurare il nuovo stadio, è stato un buon meeting. Siamo convinti che a Roma e al Paese serva uno nuovo impianto come questo». Anche se, fa notare Zingaretti, l’avvio del progetto resta in gran parte nelle mani del Comune: «Saremo garanti della trasparenza e della correttezza delle procedure, la Regione farà di tutto affinché possa andare avanti, anche se è chiaro che un passaggio fondamentale è l’approvazione da parte del Consiglio comunale della variante urbanistica», perché, rimarca «tutto l’iter amministrativo è legato all’approvazione del Consiglio di questo importante atto». Insomma la macchina amministrativa è partita, ma il nodo da sciogliere resta la variante urbanistica da un milione di metri cubi che approderà in Comune entro quei 180 giorni previsti a partire dal 6 settembre. E lì bisognerà vedere se l’aula Giulio Cesare, forte di 29 consiglieri a 5stelle, l’approverà o meno. James Pallotta, nel frattempo, questa mattina, vedrà la sindaca Raggi e probabilmente anche l’assessore all’Urbanistica Paolo Berdini. Tra le ipotesi che circolano c’è anche quella che il Campidoglio possa chiedere alla società giallorossa di rivedere i numeri dell’edificazione legata al progetto: una delibera votata dall’allora giunta Marino, nel 2014, approvò il piano dello stadio legandolo ad alcune opere di interesse pubblico da realizzare dalla società sportiva e che venivano ripagate con la realizzazione di edifici e attività commerciali per un totale di un milione di metri cubi. Un piano di investimento, quello previsto dalla As Roma e Eurnova, che si aggira intorno a 1,7 miliardi di euro e che prevede, tra l’altro, in tre anni la creazione di 4mila nuovi posti di lavoro e 440 milioni da investire in opere pubbliche. Intanto Zingaretti, a margine dell’incontro con Pallotta ha annunciato che «in Regione già è stato istituito un ufficio di scopo vista l’importanza del progetto e renderemo tutto pubblico sul sito Open Data dove ci sarà una sezione dedicata allo stadio». La partita è al via.

Fonte: La Repubblica - Cillis

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom