Rassegna Stampa

Il solito «problema» Borriello da piazzare

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-06-2014 - Ore 08:07

|
Il solito «problema» Borriello da piazzare

Un posto per lui è sempre meglio lasciarlo libero. Marco Borriello si prepara alla terza estate consecutiva da romanista «sopportato». Sarà l’ultima, perché il suo contratto firmato con la famiglia Sensi scade a giugno 2015. E la Roma di oggi sta lavorando per risolvere la questione in anticipo. Di rientro da Londra dove ha lasciato ben poche tracce al West Ham (2 presenze, 90 minuti totali e nessun gol), il centravanti napoletano, salvo svolte improvvise, sarà tra i giocatori che il 15 luglio si presenteranno al raduno di Trigoria e pochi giorni dopo partiranno per la lunga tournée negli States. Oltre a Borriello, Garcia «rischia» di trovare a bordo anche Curci, José Angel e Marquinho, di rientro dai rispettivi prestiti. Borriello no, ed è un bel problema. Sette milioni lordi di stipendio pesano come un macigno sul bilancio, ma stavolta c’è la possibilità di trovare una soluzione definitiva. Borriello cerca una squadra dove stabilirsi e, magari, chiudere la carriera. La Roma sa che probabilmente dovrà contribuire con una sostanziosa buonuscita: l’attuale ingaggio, che prevede tra l’altro mezzo milioni di premi «facili» per la prima presenza e la salvezza della Roma, non intende sobbarcarselo nessuno. Al momento l’unica squadra che ha mosso passi concreti è il «solito» Genoa. Gasperini e Preziosi riprenderebbero volentieri Borriello, a fargli spazio dovrebbe essere Gilardino, ma il suo trasferimento in Cina da Lippi e dall’amico Diamanti non sembra più così scontato. Anzi. E se il Gila non parte insieme al suo stipendio da oltre 3 milioni lordi, il Genoa non può permettersi Borriello. Lo scambio tra i due attaccanti trattato lo scorso anno non è più d’attualità, ma il rapporto stretto tra Sabatini e Preziosi può agevolare l’intesa. Intanto hanno deciso che Bertolacci verrà riscattato dal Genoa. Se le nuove comproprietà non fossero state abolite, la Roma avrebbe ottenuto in cambio la metà di Sturaro. L’interesse per lui c’è ancora, ma si è intiepidito. Tra le altre comproprietà da risolvere entro venerdì, rinnovata quella di Antei col Sassuolo mentre si preparano a rientrare momentaneamente Stoian, Pettinari e Caprari. Dopo Keita, è in arrivo Uçan: da oggi ogni giorno è buono per chiudere l’intesa con il Fenerbahce in Turchia. Vicino anche Basa del Lilla, poi si penserà ai terzini e all’attaccante esterno. Un altro centrale (è spuntato Manolas) arriverà nel caso di partenza di Benatia, ma finora né il Manchester City né altre pretendenti hanno presentato un’offerta sufficiente a smuovere la resistenza della Roma. In ottica futuro, l’ultima scommessa è il terzino croato del ’97 Silvio Aonic, arrivato a Roma per le visite e la firma di un triennale.

Fonte: IL TEMPO (A. AUSTINI)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom