Rassegna Stampa

Il Tempo, Balotelli «Totti? Magari»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 25-03-2013 - Ore 08:03

|
Il Tempo, Balotelli «Totti? Magari»

(Il Tempo – S.Pieretti) Balotelli riapre le porte della nazionale a Francesco Totti. E se il ritorno del romanista in azzurro andrebbe bene a lui, allora andrà bene a tutti. Si erano lasciati tre anni fa in una finale di coppa Italia tra Roma e Inter all’Olimpico, tra insulti e calcioni. Poi nessun’altra occasione per incrociarsi, con l’interista pronto a prendere il volo per Manchester e il capitano giallorosso lontano anni luce da Coverciano. Il numero dieci della Roma – dopo una stagione a livelli di eccellenza – si ricandida pesantemente per un posto in nazionale. Prandelli è pronto a valutare la possibilità di portarlo ai prossimi Mondiali, a patto che Totti si presenti fra dodici mesi nelle stesse condizioni fisiche attuali. Per il resto porte del centro tecnico federale di Coverciano spalancate, prima dal capitano azzurro Buffon, e ora anche dal giocatore più rappresentativo della nostra nazionale.

 

«Totti in nazionale? Magari, è un fenomeno – afferma il centravanti del Milan – campioni come lui sono sempre ben accetti in squadra». Argomento chiuso. Se ne riparlerà fra dodici mesi. Intanto bisogna pensare alla prossima trasferta in programma a Malta. L’attaccante ha le idee chiare. «Dicono che sono tra i primi 5 attaccanti al mondo – afferma ancora davanti a taccuini e microfoni – ringrazio chi afferma queste cose ma io sono me stesso e basta. Vedo in me un miglioramento, sto crescendo, sto cambiando da tempo solo che prima i miei progressi non si notavano perché non giocavo frequentemente. Ora che gioco spesso i miglioramenti si vedono di più. Dell’amichevole col Brasile penso che sia stata una bella partita, mia madre si è divertita a vederla, mentre mio padre prima mi ha rimproverato perché ho sbagliato troppe occasioni poi mi ha fatto i complimenti per il gol segnato. Io vado avanti, non penso alle occasioni mancate contro il Brasile, semmai a quelle che avrò in futuro. Il mio prossimo obiettivo è quello di far bene contro Malta, spero di fare una grande partita». E già, perché i complimenti fanno piacere, ma le vittorie ancor di più. E nel prossimo turno in programma a La Valletta serviranno i tre punti per consolidare il primato nel girone e prepararsi nel migliore dei modi alla partita che attenderà gli azzurri a Praga il 7 giugno contro la Repubblica Ceca. Prandelli farà ancora affidamento sul nuovo talento azzurro, sempre più uomo squadra, sempre meno bad boy. «Ora sto simpatico a qualcuno e non antipatico a tutti, ed è già qualcosa – ironizza Supermario – dopo l’ultimo Europeo la mia popolarità è cresciuta, l’ho notato da come si comporta la gente. Prima mi volevano bene solo i tifosi della mia squadra, ora tifano per me anche gli altri. Anche se io ho sempre avuto accanto persone chi mi vogliono bene, a partire dai miei genitori e dai miei amici. Il mister conosce la mia famiglia e parte dei miei amici, sa chi frequento e che persone sono. Non sono mai stato montato – sottolinea – ho fatto la mia vita, ma ora lavoro bene. Sono maturato affrontando esperienze buone e cattive, impari dagli errori, e cresci. Ora mi alleno bene, e non corro più in macchina. Se potessi tornare indietro eviterei di gettare per terra la maglia dell’Inter».

 

Uno sguardo al passato e un altro al futuro, pensando a un mondo migliore, a un mondo senza differenze etniche, di razza o religione. «Il razzismo è una cosa che mi dà fastidio, mi fa rabbia. Purtroppo di fronte a questo grande problema ci sono miglioramenti minimi, questo mi dispiace. Sono d’accordo con Boateng quando dice che per debellare il razzismo è necessario collaborare tutti insieme». Da un compagno di squadra all’altro: El Shaarawy.«Stiamo quasi sempre insieme, sono contento di aver trovato un amico e un compagno di squadra – conclude Balotelli – lo aiuterò sotto tutti i punti di vista e sono certo che lui si comporterà allo stesso modo con me». Un’alleanza tra italiani di seconda generazione, che vanno sempre a cresta alta.

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom