Rassegna Stampa

Il terribile mal di corner: 18 calci d’angolo e zero occasioni

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-09-2015 - Ore 06:55

|
Il terribile mal di corner: 18 calci d’angolo e zero occasioni

IL MESSAGGERO - FERRETTI - Prima sconfitta, distacco dall’Inter capolista salito a sette lunghezze e classifica adesso triste, un punto sotto la Lazio. La Roma, dopo aver pareggiato giocando molto male contro il Sassuolo, perde in casa della Sampdoria pur costruendo tanto ma senza riuscire a concretizzare le occasioni. E dimostrando una lacuna mostruosa sulle palle inattive, soprattutto sui calci d’angolo. La Roma, soltanto nel primo tempo, ha avuto a disposizione 10 calci d’angolo per tentare di far male a Viviano. Sarebbero stati undici se l’arbitro Banti non avesse fischiato l’intervallo prima dell’ennesima battuta di Florenzi. Ebbene, non c’è stato un solo tiro dalla bandierina che abbia creato problemi seri alla difesa della Sampdoria. Possibile che la Roma non abbia uno straccio di schema da una palla inattiva così importante? Possibile. A giudicare da quanto visto a Marassi, l’argomento corner a Trigoria non viene mai preso in considerazione. Palla lunghissima, quindi non giocabile, oppure pallone calciato male, molto male sul primo palo, e perciò facile preda dei difensori avversari: mai un calcio mirato, un movimento studiato al centro dell’area avversaria per trasformare quella giocata in un’azione pericolosa. Nel calcio moderno lo sfruttamento delle palle inattive è diventato un obbligo più che un’opzione: il discorso evidentemente vale per tutte le squadre tranne che per la Roma. Dieci calci d’angolo nella prima frazione e zero occasioni per passare in vantaggio. Una statistica negativa, questo è sicuro. Non una novità, a dire il vero: la Roma degli ultimi tempi ha sempre faticato un botto a trasformare in gol le opportunità legate al calcio dalla bandierina. Con l’arrivo di Dzeko, un saltatore che si è andato ad unire a Manolas e a De Rossi, oltre che a Keita, si pensava che la situazione potesse cambiare, che ci fosse più attenzione per lo schema legato al corner invece niente; come se tutto forse affidato alla casualità: metto ’sto pallone in mezzo e vediamo quello che succede...
SERVE ADDESTRAMENTODopo i dieci della prima frazione, nella ripresa la squadra di Rudi Garcia ha avuto la possibilità di sfruttare altri otto tiri dalla bandierina e, come accaduto nei primi 45 minuti, non è successo niente. In una sola occasione la Roma è andata vicina al gol partendo dall’angolo ma, onestamente, è apparso troppo poco. Forse casuale. Ci sarà da lavorare molto su questo. Non solo su questo, a dire il vero...

Fonte: MESSAGGERO - FERRETTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom