Rassegna Stampa

«Il vice Totti non c’è» e Garcia cambia la Roma. Ljajic chiede una chance

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-10-2013 - Ore 10:06

|
«Il vice Totti non c’è» e Garcia cambia la Roma. Ljajic chiede una chance

Lo dice chiaro e tondo: «Nessuno può fare il vice Totti, perché il capitano è unico ». Però, visto che a Udine si deve andare e che nel calcio le sfide più belle sono quelle in cui devi andare oltre l’ostacolo, Rudi Garciascomoda niente meno che la scuola di Aristotele per presentare la sfida contro l’Udinese, prima di una serie di gare in cui la Roma capolista dovrà fare a meno del suo simbolo: «È vero che quando una squadra perde il suo miglior giocatore non è una buona notizia, ma abbiamo dimostrato di essere un gruppo forte e unito. Sono sicuro che la squadra giocherà anche per il suo capitano. E poi, come si dice, la natura odia il vuoto. Quando manca qualcuno, c’è posto per un altro». Al posto di Totti, al 99%, giocherà Marco Borriello che, anche se non ha segnato nemmeno un gol in 227 minuti di utilizzo, si è guadagnato una maglia con una serie di buone prestazioni e con tanto lavoro «sporco» a favore della squadra. Di sicuro, con Borriello, sarà un’altra Roma perché con il gioco di Totti non ha nulla a che fare.

C’è anche un altro protagonista di queste prime 8 giornate da 24 punti in classifica, che dovrebbe saltare la partita del «Friuli»: è Gervinho. Uscito per infortunio contro il Napoli, l’ivoriano vorrebbe a tutti i costi giocare anche a Udine. Ma si può rischiare una ricaduta? E si può continuare a lasciare in panchina Adem Ljajic, che scalpita? Il serbo ha segnato 3 gol in 192’ e, anche se i numeri non sono tutto, è difficile accettare di essere riserva con quelle cifre. Sono stati i gol del 3-0 (Verona), del 2-0 (Lazio, su rigore) e del 5-0 (Bologna), è vero, ma nessuno ha mai segnato dalla panchina.

«Adem è un grande talento, ma ha avuto problemi fisici — spiega Garcia —. Adesso è al 100%, ha molto talento e può fare la differenza. Ho tante soluzioni: Ljajic, Marquinho, anche Pjanic più avanzato con un rimpiazzo a centrocampo. Sarà di sicuro una Roma un po’ differente, ma abbiamo già dimostrato di saperlo fare». La soluzione più logica pare il tridente Florenzi- Borriello-Ljajic, ma nessuna ipotesi è esclusa. In difesa giocheranno tutti e due i diffidati (Castan e Benatia). Se uno incapperà in un altro «giallo», contro il Chievo, giovedì prossimo all’Olimpico, giocherà Nico Burdisso. Ma questo è il futuro e per Garcia conta solo il presente. L’Udinese non perde in casa da 22 partite, la Roma può raggiungere il record di 9 vittorie consecutive della Juve di Capello nel campionato 2005-2006. Chi dovrà rinunciare al suo primato?

Fonte: Corsera

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom