Rassegna Stampa

Inevitabile pensare al derby. Ma intanto servono risposte

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-09-2013 - Ore 10:30

|
Inevitabile pensare al derby. Ma intanto servono risposte

Con un occhio alle partite con il Chievo e il Parma e un altro al derby della prossima settimana. Già, perché fra una manciata di giorni è già Roma Lazio, un match che ha tanti sapori, da quelli della conferma biancoceleste a quelli della «vendetta» giallorossa. Il clima è proprio questo, ma per il momento bisogna pensare a oggi (e domani), perché a Trigoria e a Formello si vivono situazioni diverse. In casa laziale, i tifosi sono su di giri: tornano le vecchie polemiche con il presidente, reo di non aver comprato alla fine del mercato quella punta indispensabile per rendere competitiva la Lazio. Soffia forte il vento della protesta: molti ritengono di essere stati presi in giro da Lotito, il quale, secondo gli ultras più focosi, non avrebbe detto la verità sul caso Yilmaz. Insomma, dopo le deludenti prove con la Juventus, con la squadra che ha scricchiolato in più di un reparto, sono cominciati i distinguo e le grida che sono diventate via via più consistenti.[...] 

In attesa della «grande rivincita», la Roma vola invece a Parma (giocherà domani sera) per confermare il suo ottimo stato di salute. Rudi Garcia non dovrebbe cambiare nulla, visti i risultati ottenuti. Borriello rimarrà ancora in panchina o, finalmente, troverà un posto fra i titolari? E Destro quando rientrerà? Vedremo. È certo, comunque: la soddisfazione è tanta. Non solo a Trigoria, ma anche tra i molti scettici che, alla vigilia del campionato, storcevano la bocca. Trasferta complicata quella emiliana. Però, gli occhi di tutti i supporter giallorossi sono puntati sul derby del 22 settembre. Le ferite lasciate da quel disastroso match di maggio non si sono affatto rimarginate. Non si gioca in Europa, non si vince da tempo. È diventato proprio un tabù il match con la Lazio? A questo interrogativo, gli ultras non rispondono. Anzi tacciono, incrociano le dita e in cuor loro sperano. Indovinate in che cosa?

Fonte: (La Gazzetta dello Sport – B.Tucci)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom