Rassegna Stampa

Infortunio al ginocchio per Messi contro il Las Palmas

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-09-2015 - Ore 21:24

|
Infortunio al ginocchio per Messi contro il Las Palmas

Pomeriggio agrodolce per i catalani, che vendicano il poker subito in Galizia ma perdono Lionel Messi per (almeno) tre settimane, colpa di un infortunio al ginocchio sinistro. Delude Neymar, insolitamente impreciso e autore di un errore dal dischetto nella ripresa. Ma è Suarez a vestire i panni del trascinatore realizzando una doppietta che consente ai blaugrana di riconquistare la vetta della Liga.

ANSIA MESSI — Barça diverso rispetto a quello travolto a Vigo in settimana. Cambiano gli uomini, con il ritorno di Rakitic a centrocampo al posto di Iniesta e lo spostamento di Sergi Roberto sulla corsia destra. Ma cambia soprattutto l’atteggiamento, più aggressivo e meno supponente. A guastare la giornata ci si mette però l’infortunio a Messi dopo appena 3’, frutto di uno scontro di gioco con Bigas che costringe la Pulce ad abbandonare il campo al 9’. Immediato trasporto in ospedale per il fuoriclasse argentino. Il club poco fa ha twittato: lesione del legamento collaterale interno del ginocchio sinistro, 7-8 settimane di stop.

CI PENSA SUAREZ — Senza il fuoriclasse argentino è vistoso il calo di ritmo dei blaugrana, che però riescono a far breccia nella folta difesa avversaria grazie a una bella giocata tra Munir e Sergi Roberto finalizzata da un perfetto colpo di testa di Suarez sul primo palo: 1-0 per i catalani, per la prima volta in stagione a segno nel primo tempo. Dopo un’anonima mezz’ora si vede anche Neymar ma, forse distratto dalle accuse di evasione fiscale provenienti dal Brasile, “O Ney” spreca malamente il raddoppio svirgolando a pochi passi da Varas. Nel frattempo il Las Palmas abbozza la reazione con i vivaci Araujo e Viera, che impegnano Ter Stegen al 20’, al 35’ e al 41’, evidenziando le incertezze della retroguardia blaugrana sulle ripartenze avversarie.

BRIVIDO FINALE — La mancanza di Messi rende la manovra del Barça troppo prevedibile negli ultimi venti metri, ma ci pensa ancora il Pistolero a scardinare la difesa avversaria mettendo al sicuro i tre punti al 52’: cross basso di Munir, velo di Busquets e fucilata dell’uruguaiano sotto la traversa. Sotto di due reti, il Las Palmas perde la bussola e rischia di capitolare nuovamente sulle conclusioni di Rakitic (59’) e Neymar (63’). Peccato che il brasiliano incappi in una giornata storta, come testimoniano altre due facili occasioni fallite tra il 70’ e il 75’ e, soprattutto, il rigore sprecato al 66’ con il pallone calciato alle stelle. Il finale regala qualche brivido al pubblico del Camp Nou, perché gli ospiti accorciano le distanze con Viera all’87’ approfittando di una svista di Mascherano. Ma il Barça riesce comunque a mettere in cascina tre punti preziosi, che però non alleviano l’ansia per le condizioni di Messi.

Fonte: Gazzetta.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom