Rassegna Stampa

“Interisti topi”, Bee chiede scusa

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-06-2015 - Ore 08:12

|
“Interisti topi”, Bee chiede scusa

LA REPUBBLICA - Il caso/putiferio per un tweet di Pablo Dana.il thailandese: “lui non farà mai parte del Milan” «Milano invasa dai topi: 5 milioni nel sottosuolo... saranno fans dell’Inter», firmato Victor Pablo Dana, ovvero «l’uomo d’affari» italiano - residente ad Abu Dhabi - che avrebbe svolto un ruolo decisivo nella trattativa tra Silvio Berluconi e Mr Bee Taechaubol per la vendita del Milan.

Insomma, un signore sufficientemente vicino alla proprietà rossonera da scatenare un inferno di polemiche. I tifosi dell’Inter l’hanno presa malissimo e hanno travolto l’account di Dana con un mare di insulti. Ai quali l’intermediario ha reagito non proprio in maniera composta.Dapprima ha cancellato il tweet, poi ha risposto cercando di non retrocedere troppo: «Il Milan va rispettato! Voi interisti vi siete nascosti dietro falsi accounts per fare del male. Ride bene chi ride ultimo». Con tanto di faccina, :). Infine, a sera, dopo un paio di telefonate da Milano, la resa. Incondizionata: «Mi scuso con i fans dell’Inter per il mio tweet di cattivissimo gusto».

Caso chiuso? Niente affatto. Perché più ancora degli interisti, a risentirsi per l’incidente, è stato proprio Mr.Bee. Che in serata ha preso personalmente le distanze da Dana, con due tweet. «Mi scuso con i tifosi dell’Inter. Le parole di Dana non sono mie. Lui non è e non sarà mai parte dell’Ac Milan », il primo. «Calcio è sportività e rispetto. Quello che è successo è un grave errore e non lo tollereremo mai», il secondo.

Sarà anche vero che Dana non è e non sarà mai parte del Milan, tuttavia nei giorni scorsi da più fonti era stato accreditato come uomo molto vicino a Mr. Bee nonché come suo referente per le questioni di mercato. E prima dell’uscita kamikaze , ieri pomeriggio, aveva commentato la giornata no del mercato del Milan con un tweet molto promettente. «La pazienza è amara, ma il suo frutto è dolce», era una citazione di Rousseau. Forse, avrebbe fatto meglio a spegnere il computer e andare al mare.

Fonte: LA REPUBBLICA

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom