Rassegna Stampa

Intesa con la Questura Ma restano le barriere

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 09-02-2016 - Ore 07:43

|
Intesa con la Questura Ma restano le barriere

GAZZETTA DELLO SPORT - Il «percorso che concili gli interessi di tutti», come lo definisce il Prefetto Gabrielli, è un protocollo di intesa che oggi le autorità, il Coni (che molto ha spinto, preoccupato della cattiva pubblicità per la candidatura olimpica) Roma e Lazio firmeranno, con l’obiettivo finale di ripopolare l’Olimpico, ma che nell’immediato non prevede grandi dietrofront, solo correzioni. E dunque, nelle curve resteranno barriere, telecamere, divieto di occupare scale, esplodere petardi ed esporre striscioni non autorizzati, ma usciranno le forze dell’ordine, richiamate ad inizio stagione per aiutare gli steward, e i controlli agli ingressi saranno meno asfissianti. Di più, la Questura non vuole concedere. Forte del crollo degli incidenti e e dei risultati di una ricerca commissionata alla Link Campus University, da cui è emerso che il 73,3% di 2000 intervistati con le nuove norme si sente più sicuro. Basteranno curve meno militarizzate a richiamare gli ultrà? Difficile, ma intanto la prevendita per il Real sta andando bene, anche perché lo zoccolo duro della Sud si sposterà in Tevere. 

Fonte: GAZZETTA DELLO SPORT

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom