Rassegna Stampa

Intrigo Roma. Pallotta pizzica Unicredit “Adesso fatemi capire”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-11-2013 - Ore 08:15

|
Intrigo Roma. Pallotta pizzica Unicredit “Adesso fatemi capire”

Quando ieri mattina a Trigoria è spuntato Gao Hongbo, ex giocatore e c.t. della Cina, qualche giocatore ci ha scherzato su: «Ma so’ già arrivati i cinesi?».In realtà no, perché un nuovo incontro tra Unicredit e la Hna group di Chen Feng ci sarà la prossima settimana e perché Hogbo era lì per studiare gli allenamenti della Roma, visita in programma da un po’. In serata, però, è arrivata la risposta di Pallotta, quella sì. E ha aperto il fianco a mille interpretazioni.

 

BOSTON REPLICA  «Siamo fortunati a gestire una grande organizzazione che interessa alla gente e di cui la gente vuole far parte — ha detto il presidente giallorosso —. Il nostro obiettivo è sempre quello di inseguire il meglio per la Roma. Non abbiamo intuizioni particolari sul desiderio di Unicredit di vendere la sua partecipazione nella Roma o piuttosto della trasparente ragione per un dialogo pubblico. Quindi, noi come voi, aspetteremo il prossimo ciclo di notizie per saperne di più…». Che vuol dire? Sostanzialmente, Pallotta resta in una posizione di attesa, aspettando le prossime mosse della banca. Che, si sa, vuole uscire il prima possibile dalla Roma, tanto che in estate (al momento della cessione dell’ulteriore 9% alla Raptor) aveva ottenuto una modifica dei patti parasociali della Neep (la controllante della Roma), venendo dispensata dall’obbligo di ulteriori partecipazioni agli aumenti di capitale.

 

 

IL RETROSCENA  Unicredit e la Hna stanno trattando per la cessione di circa il 20 del 31% di proprietà della banca nella Neep. Per la società di Chen Feng si tratterebbe di un investimento di 90-100 milioni di euro, tra quota relativa all’acquisto del pacchetto azionario (circa 50 milioni) e futuro aumento di capitale. All’attenzione dell’istituto milanese i dossier arrivati erano però 5: tre asiatici (tra cui quello relativo a Jainling Wang), uno nordamericano e uno italiano (il più debole). Dei 5, quello della Hna non era il più «forte» , ma è stato ritenuto il più idoneo. Perché? Pallotta (che detiene il 69% della Neep) nella Roma vuole continuare a comandare ed avendo un «diritto di gradimento», probabilmente non avrebbe mai dato l’ok ad un socio forte, in grado di fargli «ombra».

 

 

ALLARME DIFESA  Intanto la Roma lavora per il Cagliari (parte dell’incasso e una somma di Pallotta saranno devoluti in beneficienza alla Sardegna) e Garcia è alle prese con una difesa a rischio: Torosidis è out per 15-20 giorni (lesione di 1° grado all’adduttore destro),Balzaretti farà un provino domenica (quasi out, anche per lui problema agli adduttori) e Maicon è tornato affaticato dalla nazionale, ma stringerà i denti (come esterni ci sono solo lui e Dodò, più l’ipotesi Castan). Oggi, tra l’altro, Garcia sarà all’Olimpico (con Fichaux, Bompard, De Rossi e Dodò) per Italia-Francia di rugby. E, c’è da scommetterci su, guarderà con un occhio particolare anche al campo, sperando che lunedì sera non sia «devastato».

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom