Rassegna Stampa

Italia, 9 nuovi titolari contro l’Irlanda: confermati solo Florenzi e Barzagli

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-06-2016 - Ore 16:37

|
Italia, 9 nuovi titolari contro l’Irlanda: confermati solo Florenzi e Barzagli

GAZZETTA.IT - GRAZIANO - Azzurri qualificati agli ottavi di finale da primi della classe. Ieri, intorno alle 17, Antonio Conte e i suoi collaboratori si sono concessi giusto un sorriso e un piccolo brindisi per celebrare quello che comunque alla vigilia non era un traguardo scontato. L’ingresso nel "G16" era preventivabile considerata la formula del torneo (avanti le prime due di ogni girone, più le migliori quattro terze classificate), trattasi invece di piccola impresa il passaggio da leader dopo appena 180’. Il c.t. azzurro se l’è vista in hotelBelgio–Irlanda, nessun obbligo per i suoi ragazzi: "Giusto staccare almeno per una mezza giornata", il pensiero di Conte.

ASSATANATI - Solo defaticante per i titolari anti Svezia, ma seduta (a porte aperte) durissima per tutti gli altri. Una novantina di minuti che hanno riempito d’orgoglio il tecnico leccese. Sì, perché è stata battaglia vera in ogni esercizio: torello a squadre (un punto ogni dieci tocchi consecutivi della stessa squadra) e partitella a campo ridotto, tutto a intensità e velocità massime; sono volate sportellate anche di un certo peso, conImmobile e Zaza particolarmente "ignoranti" (come amano definirsi loro stessi). Chiusura con una specie di "suicidio" stile basket (scatti violenti, andata e ritorno, su un campo di venti metri), e gente che ha poi guadagnato lo spogliatoio a fatica, con Zaza e Ogbonnaletteralmente raccolti per terra dai massaggiatori. Insomma, sono tutti sul pezzo, titolari e riserve, parola quest’ultima da non ripetere davanti a Conte, "perché con me non c’è nessuno che parte in panchina – ha sempre detto il c.t. –: chi sta meglio gioca".

COSÌ A LILLA - Programma tattico chiarissimo: contro l’Irlanda turnover quasi totale, parallelamente con il resto del gruppo via alle prove in vista dell’ottavo di finale in programma il 27 giugno a Parigi. Insomma, si lavora su due fronti, e Conte ha di fatto otto giorni per limare ogni particolare verso la prima gara da dentro o fuori di questo Europeo. Ma torniamo all’Italia anti-Irlanda, che vedrà almeno nove volti nuovi rispetto agli undici che hanno iniziato la gara contro la Svezia: Sirigu in porta; Darmian, Ogbonna eBarzagli in difesa; Thiago Motta in regia; Florenzi e Sturaro interni; De Sciglio ed El Shaarawy larghi; Immobile e Zaza di punta. Con gli stessi uomini, Conte potrebbe fra l’altro schierarsi col 4-4-2: basta abbassare De Sciglio e portare largo a sinistra Darmian sulla stessa linea di Barzagli-Ogbonna, quindi sistemare il centrocampo con Florenzi ed El Shaarawy ali, Sturaro-Thiago Motta in mezzo.

BRIVIDO CANDREVA - C’è intanto un pizzico di ansia per le condizioni di Candreva, uscito malconcio da Italia-Svezia e ieri accompagnato dal professor Castellacci a verificare le condizioni dell’adduttore destro. "Situazione da monitorare giorno per giorno", la sentenza non proprio rassicurante dello staff medico. Trapela ottimismo ma non è così certo che il giocatore riesca pienamente a recuperare nel giro di otto giorni. Infine, riposo precauzionale per Buffon, alle prese con un leggero stato influenzale.

Fonte: Gazzetta.it - Graziano

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom