Rassegna Stampa

Italia-Germania con De Rossi in panchina

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 15-11-2013 - Ore 10:17

|
Italia-Germania con De Rossi in panchina

La "bestia nera" della Germania, così definita direttamente dal direttore generale della Federcalcio tedesca, Oliver Bierhoff , è pronta per l’amichevole di lusso, in programma questa sera a San Siro. Ma tra gli undici titolari non ci sarà Daniele De Rossi. Il centrocampista della Roma, alle prese con un problema all’alluce subito nel match contro il Sassuolo, non ha lasciato il ritiro azzurro, ma ha continuato a lavorare a parte, non partecipando alle esercitazioni tattiche guidate da Cesare Prandelli. E contro i tedeschi con ogni probabilità partirà dalla panchina. Stesso destino anche per Giuseppe Rossi. Dopo due giorni trascorsi a riposo - per la febbre e una forte tonsillite – il centravanti ha ripreso ad allenarsi, pur in modo lieve e differenziato. L’attaccante della Fiorentina si è presentato ieri sul campo, insieme ai compagni, anche se ha effettuato un altro tipo di lavoro.

«E’ senza febbre ma è ancora affetto da una tonsillite molto brutta » aveva dichiarato Castellacci mercoledì. E ancora: «Non è migliorato da questo punto di vista ed è sotto copertura di antibiotici. Purtroppo c’è poco tempo. Al momento è più no che sì, soprattutto se non dovesse migliorare la tonsillite». Il miglioramento c’è stato, visto che ieri è sceso in campo. Ma è ancora troppo poco per vederlo indossare la maglia da titolare. Entrambi i giocatori difficilmente recupereranno per la sfida di stasera a Milano contro la Germania. Soprattutto Rossi, che cercherà di mettersi a disposizione di Prandelli per la successiva amichevole, lunedì a Londra, contro la Nigeria. Solo lì potrà tornare in scena, se Prandelli lo riterrà opportuno, il tandem offensivo Rossi-Balotelli («Sta abbastanza bene, ha svolto regolarmente i test fisici e la sua situazione non mi crea grossi problemi», parola di Castellacci), provato solo una volta dall"inizio, addirittura tre anni fa contro la Romania (anche quella un’amichevole). Nell’allenamento del mattino, il ct Cesare Prandelli ha prestato particolare attenzione agli schemi su calci da fermo e ha sciolto tutti i dubbi.

La formazione è decisa: in porta tornerà Buffon, dopo l’opaca prestazione di Marchetti contro l’Armenia. Difesa a 4, con una novità: Criscito dovrebbe aver vinto il ballottaggio con Pasqual sulla fascia sinistra, con Abate a destra e Barzagli e Bonucci al centro. In mezzo al campo agiranno Thiago Motta e Pirlo, con Montolivo e Marchisio che si alterneranno sulla trequarti, per sostenere il duo d’attacco formato da Balotelli e Osvaldo. Dopo la seduta di ieri, nel primo pomeriggio la squadra ha lasciato Coverciano: direzione Milano, in attesa della supersfida. E ad attenderli c’erano centinaia di tifosi, che hanno accolto l’arrivo del treno con a bordo la Nazionale. Tanti applausi e foto ricordo per gli azzurri prima dell’allenamento di rifinitura sul terreno di gioco dello stadio “Giuseppe Meazza”, che ospiterà l’amichevole

 

Fonte: Il Romanista - V. Vercillo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom