Rassegna Stampa

Iturbe dice sì al Genoa

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-08-2015 - Ore 08:45

|
Iturbe dice sì al Genoa

LA REPUBBLICA/ GENOVA - ADAMOLI - Oltre a Triulzi, il procuratore che lo rappresenta in Italia, anche Mascardi, che lo segue da quando era giovanissimo, gli dice che a questo punto la cosa giusta è andare a Genova e rilanciarsi facendo un grande campionato. «Sì, però a Roma non torno più», risponde con orgoglio Iturbe, che non digerisce il fatto di essere scaricato dal club giallorosso dopo una sola stagione. Arriva in prestito per 5 milioni con il diritto di riscatto fissato a 15. Un prestito onerorississimo che però è soprattutto un artificio contatibile per evitare alla Roma una pesante minusvalenza che un club quotato in borsa non potrebbe permettersi. I cinque milioni corrispondono al costo dell’ammortamento annuale di Iturbe pagato lo scorso anno 22 milioni più bonus. Di quei 5 milioni poi il Genoa rientrerà in gran parte, la Roma infatti si è accollata una buona fetta dell’ingaggio del giocatore che si aggira sui 4 milioni lordi a stagione.

E ora è una lotta contro il tempo per espletare le pratiche burocratiche e depositare il trasferimento in Lega entro mezzogiorno di oggi e consentire così ad Iturbe di scendere in campo domani contro il Verona. A questo punto le visite mediche saranno rinviate a lunedì perché già oggi il giocatore argentino si allenerà con i nuovi compagni. La seduta è fissata a Marassi per consentire a Burdisso e compagni di testare il nuovo manto misto erba-sintetico del Ferraris (“me ne hanno parlato molto bene”, confida Gasperini). Per altro Iturbe ha già avuto nelle scorse settimane l’idoneità da parte dei medici della Roma.

L’arrivo di Iturbe non implica automaticamente la partenza di Perotti. Dovesse partire Diego a Gasperini, considerate le difficoltà ad ambientarsi di Lazovic, Gakpè e Capel, servirebbe un altro esterno d’attacco e la scelta cadrebbe su Suso del Milan.

Altro colpo è quello di Cristian Daniel Ansaldi, argentino di Rosario, 29 anni il prossimo 20 settembre, il laterale mancino che serviva a Gasperini per tappare il buco sulla fascia sinistra. Non potendo arrivare a Criscito, il Genoa ha puntato sulla sua riserva nello Zenit San Pietroburgo. Un giocatore di grande esperienza con 5 presenze nella nazionale maggiore argentina. Prima che allo Zenit era stato all’Atletico Madrid, al Rubin Kazan e, in patria, al Newell’s Old Boys. Arriva in prestito (un milione) con diritto di riscatto (4 milioni). Nelle ultime stagioni, però, ha giocato molto poco anche a causa di un problema di angina.

Sandro Sakho è un difensore classe ’96 dell’Atletico Madrid con doppio passaporto, quello portoghese e quello della Guinea- Bissau. Un acquisto inizialmente in funzione della squadra Primavera. Sakho è già a Genova da una settimana per un periodo di prova e si allenato appunto con la Primavera di Stellini, ma da un paio di giorni Gasperini l’ha aggregato alla prima squadra.

Continua il pressing del Napoli su De Maio. Trattano personalmente De Laurentiis e Preziosi che chiede 7 milioni, cifra al momento ritenuta eccessiva dal presidente del Napoli.

Intanto la società rossoblù ha avuto contatti con Jona Gutierrez, difensore argentino svincolato, che però non sembra essere il giocatore che può servire a Gasperini. Anche perché lo scorso anno, quando era tesserato per il Newcastle, ha giocato molto poco (solo 10 presenze per complessivi 634 minuti), rimanendo a lungo fermo per un problema agli occhi. In precedenza aveva militato nel Norwich, nel Mallora e nel Ca Velez.

Gasperini, in conferenza stampa, ha commentato la partenza di Kucka: «Quando cediamo un giocatore ad una grande squadra è un riconoscimento al nostro lavoro. Aveva una situazione contrattuale particolare e ci sta che venisse ceduto. Però sono contento che non sia finito in Turchia, non aveva senso. Al Milan farà bene, ha le caratteristiche giuste. Io divido i giocatori in locomotive e rimorchi, lui era una locomotiva. In campo ci mancherà molto».

Fonte: LA REPUBBLICA/ GENOVA - ADAMOLI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom