Rassegna Stampa

James Pallotta sonda i mercati per un finanziamento da 300 milioni per il nuovo stadio, nonostante l’effetto “Olimpiadi”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 23-09-2016 - Ore 09:05

|
James Pallotta sonda i mercati per un finanziamento da 300 milioni per il nuovo stadio, nonostante l’effetto “Olimpiadi”

IL SOLE 24 ORE - BELLINAZZO - Una quota della Roma da 75 milioni  in vendita per permettere l’ingresso di un nuovo socio. Ieri l’agenzia Bloomberg ha lanciato l’indiscrezione  secondo cui il presidente James Pallotta starebbe valutando la possibilità di cedere circa il 40% del proprio pacchetto azionario. In serata però è arrivata la smentita del patron giallorosso con una nota diffusa attraverso il sito della Roma. “In relazione a quanto pubblicato da Bloomberg in data odierna la Roma smentisce l’ipotesi di cessione di una quota del club da parte dell’attuale proprietà. Il presidente Pallotta precisa di aver parlato con l’estensore dell’articolo smentendo la circostanza di essere alla ricerca di investitori nel club, seppur ricevendo periodicamente manifestazioni di interesse da parte della comunità finanziaria internazionale. Il presidente ha altresì precisato al giornalista che nuovo capitale sarà raccolto per finanziare la costruzione del nuovo stadio, una volta che il progetto avrà ottenuto l’approvazione finale, sia internamente sia esternamente all’attuale compagine proprietaria”.

Per Pallotta infatti un socio di peso sarebbe il benvenuto per accompagnare la costruzione dell’impianto che sorgerà a Tor di Valle. “Dobbiamo avere un investitore per la realizzazione dello stadio – aveva già spiegato Pallotta a Bloomberg -. La Roma farà un aumento di capitale sia internamente che esternamente per un partner strategico”. Aumento di capitale che non riguarderà la Roma, quindi, ma la holding che è a capo del progetto e che sarà proprietaria dello stadio. Si attende al riguardo l’ok da parte delle Conferenza regionale dei servizi che da poco ha iniziato a valutare il progetto e ha 180 giorni per espletare l’attività. L’auspicio di Pallotta è quello di veder iniziare i lavori nella zona di Tor di Valle già a marzo, mentre l’inaugurazione dovrebbe avvenire nel 2019. Il 18 maggio Goldman Sachs International Bank ha messo a disposizione di Stadio TDV Spa (la società deputata alla gestione e al finanziamento del progetto del nuovo impianto) un ammontare massimo pari a trenta milioni di euro. La banca d’affari statunitense, dunque, affiancherà la Roma nella costruzione dell’impianto di Tor di Valle.

Proprio l’avvio dell’iter amministrativo in ambito regionale, ha spinto Pallotta ad accelerare la ricerca di risorse per il “cantiere”. In particolare, durante la scorsa settimana, il patron giallorosso avrebbe presentato una richiesta di finanziamento di 300 milioni di euro a banche di profilo internazionale. Richieste per le quali al momento non risultano esserci stati riscontri positivi. I dubbi sulla fattibilità dell’operazione infrastrutturale e urbanistica da oltre un miliardo di euro peraltro sono destinati ad aumentare presso i potenziali finanziatori  dopo la decisione del sindaco di Roma Virginia Raggi di togliere l’appoggio alla candidatura olimpica, proprio per il rischio di speculazioni immobiliari.

Fonte: IL SOLE 24 ORE-BELLINAZZO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

si informi 23/09/2016 - Ore 09:19

l'estensore dell'articolo no ha volutamente sentito le dichirazioni del vicesindaco che dichiarava l'assoluta indipendenza della questione stadio dalle Olimpiadi. Effetto Di Cicco? Guido

chiudi popup Damicom