Rassegna Stampa

Keita e De Rossi contro l’Inter. Bocciati i giovani

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 20-04-2015 - Ore 09:21

|
Keita e De Rossi contro l’Inter. Bocciati i giovani

Paradossalmente, le cose più belle (o forse sarebbe meglio dire quelle meno brutte) si sono viste proprio quando è entrato lui, Seydou Keita, che almeno ha dato un po’ di ordine e di equilibrio ad una squadra che sembrava non avere né capo né coda. Così tanto che in quei minuti in cui il centrocampista maliano era a bordo campo, in attesa di entrare al posto di Paredes, è sembrato dare molte più indicazioni lui ai compagni che Rudi Garcia. «Accorcia, stringi, allargati». Paradossi tecnici, suggerimenti da professore, quello che del resto è e che un po’ tutti riconoscono. Ma soprattutto consigli aglialunni «indisciplinati», quelli con cui si trova ancora a condividere le fatiche di centrocampo, lui che ha vinto tutto e scritto un po’ della storia del calcio europeo degli ultimi dieci anni.

RITORNO DAL VIA - «Ci siamo addormentati, almeno fino al momento in cui sono entrati Ibarbo e Keita, quando un po’ di voglia in più si è rivista», ha detto a fine gara il tecnico francese. E di fatto è così e per fortuna di Garcia, Keita tornerà a completa disposizione già da sabato prossimo, nella trasferta in casa dell’Inter. Già, perché poi il bello è proprio questo, il fatto che l’ivoriano ieri quasi non doveva giocare, di ritorno dalla distorsione al ginocchio sinistro che l’ha tenuto fuori squadra per venti giorni. Considerando la sua importanza, molto probabilmente tornerà titolare già sabato sera.

C’E’ ANCHE DDR – Già, perché poi Paredes si è confermato ancora una volta non all’altezza della situazione, Uçan è ancora acerbo per affrontare una platea importante come il Meazza e il ritorno di Miralem Pjanic è ancora tutto da valutare. E allora con Nainggolan e Keita, a Milanotornerà probabilmente il solo De Rossi, ieri out perché squalificato. E sarà un centrocampo da battaglia, dove a Keita toccherà probabilmente fare la mezzala, il ruolo dove si trova meno bene in assoluto. Questione di età (35 anni già suonati), di passo e di rapidità, anche se poi quella della sua testa è di certo mille volte migliore di molti altri compagni di reparto. Ma davanti alla difesa, dove più gli piace giocare a Seydou, ci sarà appunto di nuovo De Rossi, che per Garcia si cala perfettamente in quel ruolo. A meno che poi il francese non decida di giocare con il doppio regista basso (De Rossi e Keita nel 4-2-3-1), soluzione però che finirebbe con il tagliare fuori Nainggolan. Difficile, però, considerando che anche ieri il ninja è stato quello che ha corso un po’ per tutti. Ed in una squadra in cui non corre quasi nessuno, sarebbe un peccato mortale rinunciarci.

 

Fonte: Gazzetta dello Sport/A.Pugliese

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom