Rassegna Stampa

L’Italia corre come mai, ecco la cura Conte per arrivare fino in fondo

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 20-06-2016 - Ore 06:52

|
L’Italia corre come mai, ecco la cura Conte per arrivare fino in fondo

LA REPUBBLICA - CURRO' - Quattro anni fa, quando a Port Marianne venne inaugurato il liceo turistico Frêche, opera tra le più note dell’architetto Fuksas, nessuno immaginava che in un perimetro di tre chilometri un’altra archistar italiana avrebbe studiato un progetto ancora più ardito: vincere l’Europeo con una squadra che sfida le leggi della tecnica e della fisica calcistica. La Nazionale di Conte è la più vecchia del torneo ed è palesemente sprovvista di fuoriclasse. Eppure da ieri mattina, tra il centro di allenamento Gasset e la sua stanza dell’hotel Courtyard, il ct accarezza il sogno. Lo ha alimentato, la possibilità di programmare per i titolari un riposo attivo di ben 10 giorni (da sabato scorso), grazie alla qualificazione anticipata agli ottavi di finale del 27 giugno a Parigi. Il lungo supplemento di preparazione atletica e tattica specifica, a Europeo in corso, rappresenta un lusso e un vantaggio evidente sulla concorrenza. L’ha svelato il presidente della Figc Tavecchio: «Vogliamo arrivare dove nessuno immaginava». Il mezzo scelto da Conte è la forza: un inedito nella tradizione vincente azzurra, fin qui fondata sull’arte di Meazza e Piola, sull’astuzia del catenaccio e contropiede degli anni Sessanta e sulla miscela di Bearzot e Lippi tra una difesa formidabile e la tecnica dei molti campioni. Ora la nuova sfida è assai più teutonica che latina: sgretolare gli avversari a poco a poco, mentre le loro forze si affievoliscono e quelle degli azzurri veterani (31,9 la media d’età al debutto, 30,9 alla seconda) restano intatte. Proprio questo è successo fin qui: l’Italia ha ucciso le speranze del Belgio col gol di Pellè nei minuti di recupero e ha mandato al tappeto i giganti svedesi con la serpentina di Eder a 2’ dalla fine, dopo averli messi alle corde poco prima con la traversa di Parolo. La scansione degli eventi non è stata casuale e il piano è che si ripeta a Parigi, chiunque sia il rivale, Croazia o Repubblica Ceca: graduale demolizione, innanzitutto fisica, delle altrui sicurezze. La Nazionale corre moltissimo: quasi 120 km con i belgi, quasi 114 con gli scandinavi, surclassati entrambi. A Saint-Denis dovrà accentuare la caratteristica: equivarrebbe con tutta probabilità alla vittoria. Per gli ottavi Conte pretende 14 calciatori – sostituzioni incluse – atleticamente perfetti: agli schemi penserà lui, ma da ieri ha varato test fisici quotidiani spietati. Chi non è al massimo starà fuori. Il turnover di dopodomani a Lilla con l’Irlanda, in una partita ininfluente per il primo posto nel girone E, servirà per fare recuperare le energie ai potenziali titolari e per capire chi, tra le presunte riserve, è più pronto anche mentalmente all’eventuale chiamata. Intercambiabilità e duttilità tattica hanno trasformato il livellamento tecnico in opportunità per ruotare i giocatori senza contraccolpi. La rotazione massiccia porterà al ringiovanimento (media d’età 26,5). Se prevarrà il sistema di gioco provato ieri – un 3-4-3 modulabile in 4-2-4 – è ipotizzabile il cambio di 10 uomini su 11: resterebbe uno tra i 3 difensori della Juventus (Barzagli, più di Bonucci e Chiellini diffidati). A centrocampo il ballottaggio è tra i diffidati De Rossi e Motta. Spunta un’occasione per Insigne, nel tridente con Zaza (in staffetta con Immobile) e Bernardeschi. Nel duo di centrocampo Sturaro affiancherebbe Motta o De Rossi, gli esterni sarebbero El Shaaarwy a sinistra e De Sciglio a destra, con Darmian e Ogbonna in difesa accanto allo juventino prescelto e con Sirigu in porta. Candreva può guarire con calma dall’affaticamento muscolare agli adduttori, valutato “di lieve importanza”. Importante è la notizia che lo cataloga, per 32 milioni di euro, come il primo acquisto del Chelsea di Conte. Il quale, per il momento, si accontenta di riacquistarlo per la partita di Parigi.

Fonte: La Repubblica - Currò

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom