Rassegna Stampa

L’Olimpico, uno stadio senza pace. Vuoto o pieno è sempre polemica

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-02-2016 - Ore 06:43

|
L’Olimpico, uno stadio senza pace. Vuoto o pieno è sempre polemica

GAZZETTA DELLO SPORT - ZUCCHELLI - Le lunghe code ai cancelli, la soddisfazione della Uefa per come è stato gestito l’evento all’interno dello stadio Olimpico, l’insoddisfazione, per usare un eufemismo, dei tanti tifosi costretti a controlli infiniti e tempi di attesa estenuanti. Tanto che ieri la Roma è stata costretta ad ammettere che la macchina organizzativa per il Real Madrid non è stata perfetta, mentre la Questura ha cercato di minimizzare: «Dobbiamo migliorare, ma non è successo nulla di sconcertante». 
I FATTI Mercoledì sera, dopo 5 mesi, all’Olimpico c’erano quasi 60mila spettatori (55.612 recitava il dato del botteghino), il piano sicurezza era stato messo a punto nei dettagli, ma le cose non sono andate per il verso giusto e a ridosso del fischio d’inizio c’erano migliaia di tifosi in fila. Inferociti, visto che si trattava di un giorno lavorativo e molti non avevano potuto andare all’Olimpico in anticipo. 
LA ROMA Oggi se ne discuterà durante il Gos di Roma-Palermo, intanto ieri hanno preso posizione sia la Questura che il club. La Roma lo ha fatto tramite Carlo Feliziani, delegato alla sicurezza: «Ci sono stati problemi in fase di afflusso — ha spiegato alla radio ufficiale —. Il sistema andrà rivisto perché in campionato con 25mila spettatori funziona, ma con 60mila no, come abbiamo visto in Italia-Inghilterra di rugby. Capiamo le esigenze degli spettatori. Nell’area di prefiltraggio le forze dell’ordine devono effettuare controlli molto rigidi per le nuove norme antiterrorismo e quindi si corre il rischio di ritardare l’ingresso, poi prima dell’accesso ai tornelli c’è il controllo da parte degli steward. L’ultimo ingresso, Distinti Nord-Est, è avvenuto alle 21». Un quarto d’ora dopo il calcio d’inizio. 
LA QUESTURA Secondo Roberto Massucci, capo di Gabinetto della Questura però, «parlare di “sconcerto” per una gara che ha restituito dignità e civiltà all’Olimpico mi sembra assurdo — ha detto a “Rete Sport” —. Sono io ad essere sconcertato per questa enfasi. Si sono verificati alcuni problemi per difetti strutturali, che hanno creato eccessivo disagio, dobbiamo migliorare». Alle parole di Massucci si è poi affiancato anche un comunicato della Questura [...]

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom