Rassegna Stampa

La difesa è un rebus irrisolvibile per Garcia Roma sul mercato

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-10-2015 - Ore 06:48

|
La difesa è un rebus irrisolvibile per Garcia Roma sul mercato

CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - Se lo dice Arrigo Sacchi, l’allenatore che ha spezzato l’equazione «calcio italiano uguale catenaccio», bisogna crederci. La Roma non ha una fase difensiva degna della Champions League e, a conti fatti (18 gol in undici partite stagionali), nemmeno per vincere lo scudetto. 
Sacchi — che a Trigoria servirebbe come il pane per dare un senso calcistico a 360 gradi al club — lo ha detto a Garcia, dopo il 4-4 di Leverkusen: «Rudi, dovete lavorare molto». L’allenatore francese si è detto d’accordo anche se ieri, alla ripresa degli allenamenti, non ha processato il gruppo per tenere alto il morale in vista della trasferta di domenica, contro la Fiorentina, che può valere il primo posto in classifica che alla Roma manca dal 29 ottobre 2014 e, in solitaria, dal 10 novembre 2013. 
I numeri, compresa la sola vittoria in Champions League in 9 partite, inchiodano Garcia. Ma l’allenatore è l’unico responsabile? Il problema può essere analizzato in tre parti: 
1) la mancanza di comunicazione del reparto. Troppi cambi di formazione, troppi stranieri, troppi nuovi da inserire. In campo si parla poco e, in questo senso, manca il collante che garantiva Morgan De Sanctis. Il «pizzino» che Garcia passa a De Rossi (c’erano le marcature sui corner dopo le tante sostituzioni) è un simbolo; 
2) pochi allenamenti specifici. In realtà sono pochi gli allenamenti tout court, perché si gioca tre volte la settimana e le tournée estive hanno sostituito il raduno precampionato in cui si lavorava sui dettagli; 
3) il mercato. Sono stati venduti Benatia (leader assoluto), Yanga-Mbiwa (affidabile), Romagnoli (promettente) e non è stato confermato Astori. Dal Cagliari, nelle maglie dell’affare-Nainggolan, è arrivato Ibarbo, che poi è stato girato al Watford per eccesso di attaccanti. Ammesso che Garcia non sia il migliore a organizzare le difese, cedergli i migliori non pare una gran strategia. «Sapevamo che serviva un po’ di pazienza, con Castan che non ha giocato per un anno e Ruediger reduce da un’operazione al ginocchio», ha detto Garcia nel dopo-gara. Purtroppo il campionato è iniziato il 22 agosto, la Champions è già alla quarta giornata e tempo non ce n’è [...]

Fonte: CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom