Rassegna Stampa

La difesa sotto accusa tra gol presi e incertezze

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 03-11-2014 - Ore 08:43

|
La difesa sotto accusa tra gol presi e incertezze

Una squadra indifesa. Nel senso che rispetto alla fortezza inespugnabile che era la prima Roma di Garcia, quella attuale subisce molto di più. I numeri in questo senso sono chiari: nelle prime dieci giornate dello scorso campionato solo Biabiany riuscì a violare la porta giallorossa, quest’anno i gol subiti sono già 6 (3 con la Juventus, 2 a Napoli e 1 a Parma), a cui bisogna aggiungere i 9 in Champions, per un totale di 15 in 13 gare.
Una statistica indubbiamente viziata dalla gara col Bayern, ma l’inversione di tendenza è evidente. Gli alibi per il tecnico francese non mancano: se la partenza di Benatia è stata ottimamente assorbita con l’arrivo di Manolas al centro della difesa, nessuno poteva prevedere l’assenza prolungata di Leandro Castan, che in stagione ha giocato solo 45 minuti ad Empoli. Altrettanto sfortunato è stato il suo sostituto naturale Davide Astori, che dopo un buon avvio in cui era riuscito a riconquistare la maglia azzurra, si è dovuto fermare prima per una lesione ai legamenti del ginocchio e poi per un problema muscolare.

 

Entrambi dovrebbero tornare dopo la sosta – il 22 a Bergamo contro l’Atalanta – ma mercoledì a Monaco e domenica col Torino, Garcia dovrà ancora fare affidamento su Manolas e Yanga-Mbiwa, la coppia di difesa con più presente (665 minuti), più battuta (14 gol, solo contro Cagliari e Verona la porta è rimasta inviolata) e per caratteristiche tecniche (sono due destri) peggio assorbita fra quelle a disposizione.
I problemi fisici di De Sanctis e di Maicon – il portiere ha saltato tre partite, il difensore brasiliano cinque – e il fatto che sulla fascia sinistra non si sia ancora capito chi tra Cole e Cholevas sia il titolare, hanno contribuito a far perdere sicurezza ed identità ad un reparto che lo scorso anno era considerato il punto di forza della squadra, e che oggi sembra diventato un problema. Da risolvere al più presto.

Fonte: corsera (G. Piacentini)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom