Rassegna Stampa

La favola di Coly Keba

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-03-2016 - Ore 10:20

|
La favola di Coly Keba

IL FATTO QUOTIDIANO - PELLICONE - Vivere una favola. Un sogno. Una storia da “calcio pulito”. La parabola di Keba, classe1998aggregato da due mesi alla primavera della Roma, inizia da lontano. Precisamente daDakar, Senegal. Sì, dall’Africa. Si smorzino subito facili ironie: Keba è un ragazzo modello,figlio di un una insegnante e di un ufficiale dell’esercito locale. Si trasferisce, in Italia, un anno e mezzo fa, aMontesilvano per studiare.

In Abruzzo, Keba studia, gioca, si diverte. Se la cava benissimo con i libri. Nessuna insufficienza. Ancor meglio, però, con il calcio. Palla al piede, le lodi fioccano. Gioca in prima categoria, nelloSpoltoresocietà affiliata alla Roma. Impressiona gli addetti ai lavori, rapiti dai suoicentottanquattro centimetri di forza e agilità. Prima punta o esterno largo a destra. Fa poca differenza. Keba fa a spallate con il mondo, è abilissimo in acrobazia, punta e salta spesso l’uomo nell’uno contro uno. Abbastanza per convincere la Roma a visionarlo. Sabatini non ci pensa due volte: provino superato.

Keba prepara le valigie. Si va a Roma. Anzi, prima in America. Il suo destino si compie a metà dicembre scorso: nella tournée americana, Keba segna 5 reti e stupisce tutti per la capacità di fare reparto da solo,  l’abilità in fase di finalizzazione. Spesso in acrobazia, specialità della casa.

É gennaio 2016. Ad appena 18 anni Keba ha già vissuto tre vite. Una in Africa, l’altra inAbruzzo, adesso a Roma. Senza scomporsi. Da Trigoria, arrivano solo elogi. Proprio come daPescara. Keba è descritto come ragazzo serio, educato, scrupoloso, studioso. Una eco delle parole diRocco Palumbo, patron del Pescara Sud, che rilascia dichiarazioni al miele, aldilà dell’aspetto tecnico: “Keba è un 1998 che ha un altro passo rispetto ai pari età. Ha margini di miglioramento e, sopratutto, è un ragazzo umile e intelligente.  Gli auguro il meglio”.

Adesso è affidato alle cure di Alberto De Rossi. Il tecnico della Primavera giallorossa non si sbottona facilmente. L’ha definito “interessante”. Un complimento non da poco. Un primo passo verso una nuova vita, da iniziare magari a breve. Il sogno, dalla Prima Categoria alla serie A è  a un passo dal concretizzarsi. Keba non ci pensa. Prosegue la sua vita fra libri (studia a Ostia, all’Istituto Internazionale Giovanni Paolo II, una scuola di grande livello, convenzionata con la Roma), allenamento, partite, interrogazioni, complimenti dentro e fuori dal campo. Ha la faccia pulita di chi insegue pallone e sogni, senza perdere di vista l’umiltà di chi  conosce il significato della parola sacrifico. Keba, oltre che bene, gioca pulito. In bocca al lupo.

Fonte: IL FATTO QUOTIDIANO - PELLICONE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom