Rassegna Stampa

La Goal line techonolgy debutterà nel trofeo Tim

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-07-2015 - Ore 08:12

|
La Goal line techonolgy debutterà nel trofeo Tim

IL MESSAGGERO - SACCA' - Per tentare di navigare degnamente nei mari d’Europa, il calcio italiano ha deciso di sistemare la bandiera della tecnologia in cima alla barca. Così, a 24 giorni dall’avvio della nuova serie A, i lavori per l’introduzione dell’Occhio di falco camminano spediti: un poco a macchia di leopardo, per rimanere in tema zoologico, ma spediti. Ad occuparsi dell’avanzamento dei «cantieri» provvede la Lega calcio, e da Milano il messaggio viaggia chiaro: per l’inizio del campionato tutti i 16 stadi della serie A saranno dotati della tecnologia contro i gol fantasma. Anzi, per la verità la Lega garantisce che il debutto italiano dell’Occhio di falco lo celebreremo addirittura il 12 agosto al Mapei Stadium di Reggio Emilia, lo stadio scelto come cornice del Trofeo Tim, cui parteciperanno l’Inter, il Milan e il Sassuolo. Ascoltando i sussurri che filtrano da via Rosellini, si scopre pure che il funzionamento dei vari impianti sarà sperimentato già in occasione delle sfide del Terzo turno di coppa Italia, fissate per ferragosto.
LA CERTIFICAZIONEInsomma, tutto sarà pronto per il 22 agosto, e nulla sarà lasciato alla debolezza dei ritardi. Come si diceva, va comunque registrato che l’Italia degli stadi (e non soltanto) si muove ad alterne velocità: per dirne alcune, quasi ultimato il perfezionamento dello Juventus Stadium e di San Siro, a metà del guado l’Olimpico (di Roma) e il San Paolo, ancora in versione embrionale il Matusa di Frosinone. Ma il panorama non preoccupa la Lega, perché le tre squadre di tecnici incaricate di installare fisicamente l’Occhio di falco hanno un programma ben scadenzato, e certo non dispongono del dono dell’ubiquità. Per intendersi, Lee Jones, il responsabile italiano della Hawk-Eye Innovations, la società che produce la tecnologia, il 1° luglio era a Verona, il 10 a Reggio Emilia e il 22 a Palermo. Una volta completati i lavori, la Fifa certificherà i sistemi e li autorizzerà per l’impiego: comincerà la prossima settimana. In sintesi, l’apparecchiatura consiste in sette telecamere posizionate in direzione di ogni porta: elaborate da un computer, le immagini saranno inviate all’orologio dell’arbitro via radio. Se il pallone supererà la linea, sul display dell’orologio apparirà la parola «gol». Quanto ai costi, oscilleranno intorno ai 2,2 milioni di euro l’anno, e saranno pagati dai club. Senza ragioni evidenti, resteranno in campo pure gli arbitri di porta.

Fonte: IL MESSAGGERO - SACCA'

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom