Rassegna Stampa

La Juve blocca Saponara,Destro al Monaco

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 24-06-2015 - Ore 06:25

|
La Juve blocca Saponara,Destro al Monaco

LA REPUBBLICA – CARDONE/PINCI  - Entra Saponara, esce Pogba. Tranquilli però, solo nel 2016. Di certo quello che per la Juventus sembrava un orientamento occasionale si è rivelato vera e propria politica societaria: a Torino hanno riscoperto il fascino del prodotto italiano. Dopo Rugani e Sturaro, Zaza e Berardi, è in arrivo il trequartista dell’Empoli. Le 7 reti da gennaio a maggio hanno convinto Marotta a investire su Saponara: il club di Corsi lo valuta 15 milioni ma la Juve, che per il presente sogna Isco (bloccato però da Benitez) o Oscar, lo lascerebbe un altro anno in Toscana. Ottenendo uno sconto: basteranno 12 milioni, di cui 4 finiranno al Milan, che ha conservato il diritto al 30% sulla cessione. Decisivi i rapporti tra i bianconeri e l’Empoli, certificati dall’affare Rugani, mentre è infuriato il Napoli di De Laurentiis, convinto che dopo l’operazione Valdifiori fosse quasi una formalità chiudere per il trequartista.

A meno di un rilancio azzurro in extremis, la partita l’ha vinta la Juventus. Semmai ora deve difendersi dall’assalto a Pogba: il Barcellona è deciso a prenderlo, il candidato alla presidenza Laporta ha già incontrato l’agente Raiola ricucendo i rapporti devastati dall’affare Ibra. Pronti un’ottantina di milioni e il 18enne brasiliano Gerson, appena preso dalla Fluminense. In ogni caso, lo sbarco di Paul al Camp Nou sarebbe rinviato, causa blocco del mercato blaugrana, al 2016: gennaio o più verosimilmente luglio. Ieri primo incontro con il Boca per Tevez: la Juve ha chiesto 6,5 milioni, non c’è accordo, oggi nuovo vertice.

Un italiano saluta la serie A. Mattia Destro lascia l’Italia, ieri il ds Sabatini è volato a Montecarlo per chiudere la cessione dell’attaccante al Monaco in cambio di 14 milioni, cifra che consentirà alla Roma, con Gervinho all’Al-Jazira e Doumbia verso Shanghai, di rivoluzionare l’attacco: Dzeko in cima alla lista dei desideri, poi Bacca e Lukaku. Per il Milan invece l’obiettivo più concreto è ancora Ibrahimovic, tanto più che ora il mercato rossonero torna in mano a Galliani. Che nei viaggi d’affari non si accompagnerà più con Nelio Lucas. La Doyen è ancora consulente di mercato del thailandese Taechaubol, ma per adesso l’ad del Milan farà da sé. Ieri c’è stato un incontro con l’agente di Bertolacci, pronti 13 milioni per la Roma.

Contare sulle proprie forze non basterà invece alla Fiorentina, almeno nella vicenda Salah: oggi il vertice con i rappresentanti del calciatore, ma l’egiziano è determinato ad andar via. C’è l’Inter, che con lui ha un’intesa economica e offre al Chelsea 2 milioni per il prestito e 23 per il riscatto. Anche Melo del Galatasaray è vicino. Ma attenzione: su Salah la Juve resta vigile.

Fonte: LA REPUBBLICA – CARDONE/PINCI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom