Rassegna Stampa

La mossa di Pallotta

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 19-10-2013 - Ore 11:00

|
La mossa di Pallotta

L’Embraer 135, sigla A6GCC, jet privato, compagnia Gama Aviation, sede Abu Dhabi, in pratica la compagnia della famiglia reale del posto, trentasette posti comodi che più comodi non si può, motoriRolls Royce giusto per sottolineare che chi ce l’ha è uno di quegli uomini che non devono chiedere mai, costo che a un comune mortale non basterebbero cento vite per garantire solo l’anticipo, ha toccato terra, aeroporto di Ciampino, poco dopo le quindici, a meno di sei ore dal fischio d’inizio di un Roma-Napoli mai così Roma-Napoli.

APPUNTAMENTO - [...] A bordo dell’aereo, il proprietario, Hamed Bin Ahmed Al-Hamed, 47 anni, membro della famiglia reale, presidente del fondo degli Emirati Arabi Al Qudra , in sintesi uno dei più importanti e ricchi del mondo. Con lui, come è solito fare quando si sposta in giro per il mondo, il cuoco, il personal trainer, il maggiordomo personale, la scorta, alcuni stretti collaboratori. E allora, direte voi? Allora c’è il fatto che, ad attenderlo già da una manciata di minuti nella riservatissima saletta vip (parola insopportabile per quel che ci riguarda, ma così è chiamata, non possiamo farci niente) c’era JamesJimmy Pallotta, presidente della Roma, anche lui con quattro-cinque collaboratori della Raptor, l’hedge found che ha fatto la sua fortuna, tra questi Alex Zecca, grande amico da tempo del numero uno giallorosso, oltre che consigliere molto ascoltato e da sempre vicino all’imprenditore americano nella vicenda Roma calcio. E non solo perché da italo-americano parla la nostra lingua che magari noi l’inglese. 

 

INCONTRO - L’imprenditore arabo è entrato nella saletta vip da solo, lasciando la scorta e i suoi collaboratori all’esterno, per incontrarsi con Pallotta e l’entourage dell’americano colorato di giallorosso. Una chiacchierata non proprio mordi e fuggi, una novantina di minuti, sì, più o meno il tempo di una partita di calcio, in cui non crediamo di azzardare immaginando che si sia parlato d’affari. [...] 

 

SALUTI - Alle sedici e venti minuti, Hamed Bin Ahmed Al-Hamed e James Pallotta si sono calorosamente salutati. L’imprenditore americano è tornato nel suo albergo romano prima di trasferirsi all’Olimpico per godersi la sua Roma che da capolista e sempre vincente ha affrontato il Napoli. Losceicco (sì sceicco anche se dopo quello che è successo qualche mese fa, facciamo un pizzico di fatica a usare nuovamente la parola) è risalito sul suo jettino da straricco e alle sedici e trentacinque è decollato, con tutto il suo entourage, alla volta di Ginevra. Questi i fatti, verificati e verificabili. Visti i precedenti (ricordate lo sceicco perugino da due camere, cucina e bagno, per esempio?), meglio andarci cauti per non rischiare, perlomeno, le ire della Consob, l’ente che controlla la Borsa. Magari l’incontro tra i due imprenditori è stato relativo solo a qualche investimento da perfezionare nel fondo Raptor. Oppure, magari...

 

Fonte: CORSPORT (P. TORRI)

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom