Rassegna Stampa

La Questura: «Il Daspo all’ultrà giallorosso resta valido»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 29-10-2015 - Ore 07:09

|
La Questura: «Il Daspo all’ultrà giallorosso resta valido»

IL TEMPO - OSSINO - Nella giornata in cui il ministro Angelino Alfano comunica che i minori di 14 anni non saranno obbligati a possedere la tessera del tifoso, l’interesse degli appassionati di calcio si sposta sull’argomento Daspo. Da Roma fino a Firenze giungono nuovi sviluppi sulla sorte dei tifosi che si sarebbero resi protagonisti di comportamenti illegali. Nella Capitale il Daspo applicato nei confronti del tifoso giallorosso che durante Roma-Sassuolo ha acceso un fumogeno all’esterno dell’Olimpico protestando contro le barriere applicate in curva rimarrà in vigore. A comunicarlo è la questura di Roma che sottolinea come la sentenza di annullamento emessa dal Gip riguarda «solamente la parte del provvedimento relativa all’obbligo di firma e non il divieto di recarsi allo stadio». La precisazione dunque è doverosa. Dovrebbe infatti essere il Tar a occuparsi di eventuali ricorsi inerenti tale tipo di provvedimento. Spesso però, dati i tempi della giustizia, il responso giunge quando la pena inflitta è già stata scontata. Ad ogni modo, seppur riferendosi solo all’obbligo di firma, la sentenza del gip di piazzale Clodio era entrata nel merito del «pacchetto di misure preventive», spiegando che lo stesso è «avvertito» dai tifosi e dalla società civile «come pesantemente discriminatorio ed immotivatamente punitivo» e sottolineando che la protesta dei sostenitori della Roma è legittima.

A Firenze invece, come riporta La Nazione , è stato applicato un provvedimento simile nei confronti di un 39enne che, durante Fiorentina-Roma, lanciò un accendino sfiorando Rudi Garcia. Il giovane era stato individuato in tribuna da un ufficiale dell’Arma e portato via dagli agenti della Digos. Una notizia positiva arriva invece dall’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive. Fino al 14esimo anno di età sarà possibile seguire la propria squadra in trasferta senza necessità di essere in possesso della tessera del tifoso. «Da oggi - ha deto Alfano - il ragazzino, che avrà sempre l’opportunità di affiliarsi alla squadra del cuore come tifoso fidelizzato, potrà recarsi ad assistere agli incontri fuori casa con il solo biglietto d’ingresso, ovviamente accompagnato da persona maggiorenne»

 

Fonte: IL TEMPO - OSSINO

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom