Rassegna Stampa

La rabbia del Milan ora deve rimediare l’idea è Ibra-Jovetic

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 22-06-2015 - Ore 08:17

|
La rabbia del Milan ora deve rimediare l’idea è Ibra-Jovetic

LA REPUBBLICA – CARDONE - Pirlo a New York,forse già venerdì l’annuncio Ma dovrebbe partire soltanto a gennaio - Ancelotti, Mandzukic, Jackson Martinez, Kondogbia. Quattro schiaffi al Milan sul mercato, quattro rifiuti che certificano la falsa partenza della collaborazione con la Doyen Sports di Nelio Lucas. Dopo il sabato dello sconforto e della rabbia (anche di Berlusconi, irritato in particolare per il derby perso con l’Inter su Kondogbia), la domenica delle nuove strategie per cercare un riscatto a questo punto necessario. L’idea è evitare proclami sugli obiettivi di mercato, con i blitz annunciati sui social e poi andati regolarmente a vuoto tra Oporto, Madrid e Montecarlo. Il Milan ormai è come una squadra che fa un gioco spettacolare ma non segna: urge più concretezza e cinismo sotto porta.

Per reagire ai colpi di Juve e Inter serve un nome affascinante. Ecco perché si riparla di Ibra: il Psg non lo libera gratis, chiede almeno 10-12 milioni e ora il Milan – dopo le beffe su Jackson Martinez e Kondogbia - ne ha 75 da spendere per il centravanti e il centrocampista. Quindi il progetto Ibra torna vivo: sempre pronto il famoso biennale da 16 milioni totali per convincerlo. Ibrahimovic- Jovetic sarebbe la coppia d’attacco per ripartire, solo che sul montenegrino è in pressing la Juve. Il sogno in realtà è Cavani, il Psg chiede 55 milioni ma il Milan un tentativo lo farà. Sondaggio possibile anche per Van Persie, mentre Dzeko è considerato incedibile (al momento) dal City e Bacca è destinato alla Roma. A centrocampo si vuole chiudere in fretta per Imbula, liberato dall’Inter dopo che erano stati firmati i contratti con il Marsiglia ma non con il giocatore. Matuidi del Psg l’alternativa. E oggi verranno proposti 12 milioni alla Roma per Bertolacci (i giallorossi hanno speso 16,5 milioni per lui e Iago Falque): l’ex genoano al Milan andrebbe volentieri. Molto costoso Witsel, lo Zenit pretende 40 milioni. Smentito un tentativo con il Cagliari per Nainggolan, la Roma è convinta che il tormentone finirà oggi con l’accordo per l’altra metà del belga. In difesa poi tutti pazzi per Abdennour del Monaco (costa 25 milioni), in questo momento però pensare a Montecarlo provoca forti emicranie ai dirigenti del Milan.

Invece Pirlo pensa agli Usa con il sorriso. A New York si dà per scontato il passaggio del regista nella squadra di Villa e Lampard, appunto il New York City: annuncio previsto per venerdì, in realtà è probabile che il trasferimento slitti a gennaio. E infatti la Juve non ha ricevuto comunicazioni in merito né dal giocatore né dal club della Mls. Di sicuro c’è che Pirlo è nella Grande Mela dove l’altro giorno, in compagnia di Ferran Soriano, presidente del New York City e ad del Manchester City, allo Yankee Stadium ha assistito alla sfida di baseball con i Detroit Tigers. Oggi i dirigenti del Boca a Torino per trattare Tevez: la Juve sceglierà un giocatore - probabilmente il 18enne talento Betancur - perché di soldi da offrire il club di Baires non ne ha.

Galliani dagli annunci ai flop. Adesso riprova con lo svedese, chiuderà per Imbula e forse Bertolacci

 

 

Fonte: LA REPUBBLICA – CARDONE

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom