Rassegna Stampa

La Roma a due facce, Spalletti: «Abbiamo smesso di giocare»

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 21-11-2016 - Ore 08:24

|
La Roma a due facce, Spalletti: «Abbiamo smesso di giocare»

CORRIERE DELLA SERA - PIACENTINI - Se era un esame di maturità la Roma lo ha fallito nel peggiore dei modi. Nella sconfitta (la terza esterna in campionato dopo quelle colTorino e con la Fiorentina) 2-1 di Bergamo contro l’Atalanta, infatti, sono emersi tutti i vizi della Roma spallettiana: bella, a tratti bellissima, nel primo tempo chiuso in vantaggio grazie al calcio di rigore di Perotti; completamente assente dal campo nel secondo, in cui l’Atalanta ha messo messo in mostra una migliore condizione atletica ed è stata padrona del gioco. Ora la Juventus in testa alla classifica è distante sette punti, e i giallorossi si ritrovano in piena bagarre con Milan, Lazio, Atalanta e Napoli nella corsa al secondo posto. «Abbiamo fatto un passo indietro – le parole di Spalletti – e non è la prima volta che ci capita di avere una doppia faccia all’interno della partita. La responsabilità maggiore, quando una squadra non lotta, è dell’allenatore che ha il termometro della situazione. La nostra storia dice che quando la partita diventa una mischia, concediamo qualcosa, abbassiamo il livello di qualità e di rendimento, poi commettiamo qualche ingenuità e perdiamo palloni facili. Nel primo tempo siamo scesi in campo abbastanza bene, abbiamo giocato la palla, nel secondo loro sono saliti in cattedra. C’è stato un calo che non mi aspettavo perché in settimana avevamo lavorato molto bene, abbiamo avuto a disposizione anche alcuni calciatori che di solito vanno in nazionale».

Un problema, quello dei cali di tensione, che prima della sosta sembrava risolto. «Dobbiamo affrontare questa situazione perché mettere la testa sotto la sabbia non serve a nessuno. Noi ridimensionati? Se smettiamo di giocare, gli altri fanno il loro dovere: non c’è mai grande merito di uno senza il demerito dell’altro, ma se avessimo fatto in pieno il nostro dovere avremmo gestito meglio la situazione. È un risultato pesante per noi, ma che dobbiamo accettare». Anche il d.s. Frederic Massara rende merito alla squadra di Gasperini. «Ha giocato una grande gara, soprattutto nella ripresa. Siamo rammaricati perché nel primo tempo abbiamo costruito tante occasioni da gol: è stata una bella Roma, il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. Ma ripartiremo» 

Fonte: Corriere della Sera - Piacentini

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom