Rassegna Stampa

La Roma aspetta Gerson per il dopo-Pjanic. Il padre: "Forse un altro rinvio"

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-05-2016 - Ore 17:53

|
La Roma aspetta Gerson per il dopo-Pjanic. Il padre:

GAZZETTA.IT - “Gerson è considerato il miglior talento a livello mondiale tra i centrocampisti Under 20, almeno così ci ha riferito chi lo voleva a tutti i costi, come il Barcellona”. “Sta giocando male, adesso, ma io ci conto”. Non è passato neanche un mese da quando Mauro Baldissoni prima e Walter Sabatini poi si sono espressi così su Gerson Santos, 19 anni il 20 maggio, talento brasiliano che la Roma ha strappato, ormai quasi un anno fa, alla squadra campione di Spagna per 17 milioni, tra bonus e parte fissa, oltre a una percentuale che spetterà al Fluminense in caso di futura rivendita. Dovesse andare via Pjanic, con Uçan che non sarà riscattato dal Fenerbahce e Keita che chiuderà la carriera altrove, toccherà a lui entrare, con il fioretto ma anche con la sciabola che tanto è cara a Spalletti, nel centrocampo romanista, anche se difficilmente indosserà quella maglia numero 10 che un anno fa, con tanto di polemiche, Sabatini gli spedì a casa per convincere lui e l’onnipresente padre a preferire la Roma al Barcellona.

STORIA TRAVAGLIATA — Assistito dallo stesso procuratore di Maicon, Gerson viene davvero considerato un talento puro, un mancino di quelli che tanto piacciono al direttore sportivo romanista, capace di giocare centrocampista centrale, trequartista o anche attaccante esterno, ma in questi ultimi mesi sembra essersi smarrito. Sbarcato a Roma i primi giorni di agosto per le visite mediche e la firma sul contratto, è tornato in Brasile per poi farsi rivedere a Trigoria a gennaio: il club voleva mandarlo a giocare in Italia per tesserarlo a giugno da comunitario, lui, ma soprattutto il padre, non hanno voluto sentire ragioni, e sono tornati in Sud America, con alterne fortune.

MESI DIFFICILI — Da una parte Gerson si è goduto gli amici e la figlia di un anno - basta vedere il suo profilo Instagram per accorgersi che in questi mesi non ha sofferto di nostalgia italiana -, dall’altra il suo rendimento è calato, come ha dovuto ammettere lo stesso Sabatini, che lo monitora quasi quotidianamente attraverso i suoi collaboratori. Su 15 gare giocate, Gerson è stato titolare 11 volte e sostituito 8. È rimasto in campo 90' solo contro Vasco, Flamengo e Criciuma, in tutto ha segnato tre gol, due in Primeira Liga e uno in Coppa Brasile, e adesso è finito in panchina. Nel campionato carioca, invece, in dieci partite non è mai riuscito a segnare.

ARRIVO RINVIATO? — La Roma lo aspetta per la prima settimana di luglio, per andare in ritiro, ma proprio negli ultimi giorni il padre, ancora una volta, ha detto che tutta questa certezza non c’è: “Potrebbe restare in Brasile fino a dicembre (e in quel caso la Roma non avrebbe occupata la casella da extracomunitario, ndr), nulla è impossibile, ma non è facile. I gol e gli assist che ha fatto lo hanno maturato”. Che siano arrivati col contagocce, a dispetto della sua fama e del costo del cartellino, sembra essere però un dettaglio.

Fonte: Gazzetta.it - C.Zucchelli

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom