Rassegna Stampa

La Roma fa la grande - Doppietta di Dzeko, poi chiude Salah, Napoli quanti errori, Gabbiadini deludente

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 16-10-2016 - Ore 07:29

|
La Roma fa la grande - Doppietta di Dzeko, poi chiude Salah, Napoli quanti errori, Gabbiadini deludente

IL CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - A trenta giornate dalla fine è difficile sentenziare che la Roma è l’anti-Juve e che il Napoli è ridimensionato. Però i fatti contano molto più delle parole e quelli che sono usciti ieri dall’1-3 del San Paolo sono chiari: 1) il Napoli di Sarri, in campionato, non aveva mai perso in casa: 19 vittorie, 3 pareggi e nessuna sconfitta, 56 gol fatti e 15 subiti; 2) Sarri non aveva mai perso due volte di fila in campionato, ora è successo con Atalanta e Roma; 3) la Roma non aveva mai vinto in trasferta (pari a Cagliari, sconfitte a Firenze e contro il Toro) e lo ha fatto nella gara più difficile di tutte; 4) tra Inter e Napoli, con in mezzo la pausa, Spalletti ha ottenuto sei punti su sei; 5) Dzeko aveva segnato 8 gol in tutto il campionato scorso e in questo è già a 7. Non regge neppure l’alibi delle assenze. Al Napoli mancavano Milik e Albiol, ma alla Roma Strootman, Bruno Peres, Vermaelen, Mario Rui e Ruediger.

La verità è che Sarri non ha saputo trovare una soluzione all’assenza del bomber polacco: è partito con Gabbiadini centravanti (disastroso) e ha finito con Mertens falso nueve. All’uscita dal campo di Gabbiadini, al 56’, lo stadio lo ha subissato di fischi: siamo già al problema conclamato. Spalletti, invece, è riuscito a ottenere il massimo dai suoi ed è stato molto «ingegnoso», come aveva detto alla vigilia del collega e amico Sarri. Il segreto è stata una difesa «a tre e mezzo», con Florenzi centro dell’equilibrio tra fase difensiva e fase offensiva. Una prova superba per permettere a Salah di rientrare poco ed essere letale in contropiede. Sull’altra fascia, invece, Perotti ha aiutato molto Juan Jesus, che non ha mai concesso a Callejon la profondità di cui ha bisogno.

Spalletti aveva un piano B, Sarri no. Il calcio, soprattutto quello italiano, si basa sulla tattica e, in questo campo, Spalletti è ancora più bravo. Poi ci sono gli episodi e quello a fine primo tempo, con l’errore di Koulibaly che ha regalato la palla che ha innescato il gol di Dzeko, è uno di questi. Però l’errore è nato dal pressing di Salah su un pallone che sembrava perduto. Florenzi è stato il segreto tattico, Dzeko quello tecnico. Il centravanti bosniaco (sette gol in campionato più tre in Nazionale) è entrato in quasi tutte le azioni importanti della partita. È un uomo in fiducia e, come tale, non si pone limiti.

Mercoledì sera è in programma Napoli-Besiktas. Quella partenopea, in caso di vittoria contro i turchi e di pareggio tra Dinamo Kiev e Benfica, sarebbe la prima squadra della storia della Champions a qualificarsi dopo sole tre partite. Sarebbe un’ottima idea, anche per risparmiare in futuro energie fisiche e nervose per un campionato che si è messo in salita. Due sconfitte di fila e l’infortunio di Milik possono cambiare molto. Spetta a Sarri, che ne ha tutte le qualità, evitarlo.

Fonte: IL CORRIERE DELLA SERA-VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom