Rassegna Stampa

La Roma non c’è più

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 04-02-2015 - Ore 10:30

|
La Roma non c’è più

Tutti a casa. Ciò che resta della Roma lascia la Coppa Italia sconfitta nei quarti di finale dalla Fiorentina che affronterà la Juve in semifinale. Montella al decimo tentativo riesce a battere la sua ex squadra: giusto così, perché nella pochezza della serata la Fiorentina ha mostrato almeno di avere la voglia, di trovare un guizzo per portare dalla sua parte la gara. La Roma invece dopo quattro pareggi di fila rimedia una meritata sconfitta, forse quella che sarebbe servita qualche tempo addietro per far capire agli ottimisti per antonomasia che qualcosa non andava. Perché ko ed eliminazione a parte la Roma preoccupa per mancanza assoluta di gioco, per aver fatto anche stavolta un solo tiro porta. Che tristezza.

DIFFICILE FARE PEGGIO – La Roma, cotta, bollita, o forse sarebbe il caso di dire ribollita vista l’avversaria, riesce nell’impervia impresa di rimediare tre gol da Gomez (giocatore già dato per finito) in due partite. Sconfitta, eliminata e umiliata come i ventiquattromila tifosi che hanno sfidato pioggia e gelo per assistere a questo scempio: troppo anche per loro.

Una Roma senza gioco ne anima, per lunghi tratti imbarazzante alla quale non può bastare l’alibi delle assenze. Il problema è ben più ampio, coinvolge la testa e la soluzione al momento appare lontana anni luce. La squadra di Garcia non sa cosa fare con il pallone e conferma quell’involuzione della quale i quattro pareggi consecutivi erano già sintomo evidente.

PRIMO TEMPO AL CLOROFORMIO – Campo pesantissimo, voglia di correre poca: sembra. Da entrambe le parti, per un primo tempo che deve aspettare quasi mezz’ora per regalare il primo tiro in porta della serata. Lo firma Nainggolan complice una deviazione di Cole (altrimenti sarebbe finita fuori) ma Tatarusanu è pronto. Il resto è poca roba con le due squadre più attente a non prendere che a darle. Per la Roma finire la prima frazione di gioco senza incassare un gol è comunque una notizia: va un po’ meglio ma la differenza rispetto al disastro delle ultime uscite è appena percettibile. Tante la assenze, ma niente alibi: per nessuno.

RIPRESA ANCHE PEGGIO – Garcia si era lamentato perché la sua squadra nelle ultime uscite regalava la prima parte di gara agli avversari. Strano che proprio lui, l’autore del mezzo miracolo della scorsa stagione, non si fosse accorto della gravità del problema. Così, per una volta, la Roma «tiene» un tempo ma si fa infilare nella ripresa: complice l’ennesima serata no dei due centrali difensivi. Il gol dell’1-0 lo firma Gomez ma c’è lo zampino di Manolas. Male il greco, peggio Astori, per non parlare di Maicon che ormai da contratto gioca cinquanta minuti: non uno di più. E stavolta male anche davanti con Totti lontano anni luce da quello migliore: anche lui nel nulla che si ritrova attorno fatica. Insomma un disastro collettivo che risparmia la caparbietà di Keita e la voglia di Nainggolan senza il quale forse questa sconfitta sarebbe arrivata molto prima.Il 2-0 finale firmato ancora Gomez certifica il disastro e innesca la contestazione della Sud che chiama sotto la curva la squadra e chiede ai giallorossi di tirar fuori gli attributi. Ora sarà dura ripartire in campionato e forse è il caso di iniziare a guardarsi le spalle: perché così non si va da nessuna parte.

Fonte: Il Tempo

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom