Rassegna Stampa

La Roma passa all'attacco: si stringe per Carrasco

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 02-07-2014 - Ore 20:03

|
La Roma passa all'attacco: si stringe per Carrasco

Dopo il terzino, si pensa all'attacco. Walter Sabatini e Mauro Baldissoni sono stati ieri impegnati nella trasferta di Milano per ultimare i dettagli del trasferimento nella capitale di Urby Emanuelson, laterale olandese classe '86 che arriverà a parametro zero dal Milan, con l'accordo di un contratto triennale da 1 milione di euro più bonus, della durata di tre mesi. Ora, però, il ds giallorosso comincia a lavorare per rinforzare il reparto offensivo, con l'obiettivo di fornire a Rudi Garcia una squadra il più possibile strutturata sin dai primi giorni di ritiro. Il nome su cui si sono concentrati gli sforzi della dirigenza è quello di Yannick Ferreira Carrasco.

CARRASCO PER L'ATTACCO - Ala offensiva belga, classe '93, in grado di occupare entrambe le corsie del reparto d'attacco. Yannick Ferreira Carrasco è il nome finito in cima alla lista degli obiettivi di mercato della Roma: la valutazione del cartellino si aggira intorno ai 4-5 milioni di euro, il suo contratto al Monaco scadrà a giugno 2015. Per questo i dirigenti giallorossi intendono accelerare le operazioni per riuscire ad assicurarsi l'attaccante, offrendogli un contratto pluriennale da 1.7 milioni di euro più bonus a stagione (a salire). Già a 19 anni il calciatore conquistò le attenzioni degli osservatori del calcio francese, e anche di Mister Ranieri, tecnico che ha visto in lui "potenzialità destinate a renderlo un top-player". Ranieri rimase colpito dalla sua applicazione al lavoro durante il ritiro nell'estate del 2013. Da quel momento il passaggio in prima squadra, vissuto all'ombra di James Rodriguez, altro fiore all'occhiello della rosa del Principato, ma caratterizzato comunque da numeri importanti: 18 presenze e 3 assist con la maglia del Monaco, 10 apparizioni e 1 rete con l'Under21 belga. 

PRESENTAZIONI ALLA MOSTRA - Carrasco andrebbe ad aggiungersi all'arrivo certo di Keita e a quelli sempre più vicini di Emanuelson, Basa e Ucan. Giocatori che la Roma intende presentare ai propri tifosi sfruttando le ali dell'entusiasmo di una stagione, quella passata, che ha riportato fiducia all'interno dell'ambiente: una fiducia cui va aggiungendosi lo stimolo di poter giocare nuovamente la Champions League. Per questo, la società giallorossa sta vagliando la possibilità di prorogare la mostra "Roma Ti Amo", presso la Factory Pelanda a Testaccio, fino al 24 agosto, al fine di utilizzarla come location per la presentazione dei nuovi acquisti. L'afflusso dei visitatori, aumentato in concomitanza con le prime giornate estive e i tanti turisti che affollano il quartiere di Testaccio in questi giorni, non è servito, però, a trattenere il plastico del nuovo stadio all'interno dell'esposizione che sarà infatti utilizzato venerdì alle ore 10 durante l'inaugurazione della "Casa della città" (presso il 'Dipartimento Patrimonio, Sviluppo e Valorizzazione') per la presentazione del progetto del nuovo impianto giallorosso alla città di Roma.

LA ROMA DA CHAMPIONS ALL'ACQUA ACETOSA - Non accenna a diminuire poi l'attenzione rivolta dalla dirigenza verso il settore giovanile e il processo di formazione dei propri tesserati: "Sappiamo quanto è importante e quanto vale il lavoro del settore giovanile. Noi abbiamo cercato di concentrare la nostra attenzione nel riversare risorse su un settore che è vanto per l’intera società", ha dichiarato il dg Mauro Baldissoni, commentando la vittoria del campionato dei Giovanissimi Nazionali di Federico Coppitelli. In questi giorni a Trigoria si stanno svolgendo i Camp Estivi per bambini, iniziativa che va sommandosi a quella dell'"As Roma Academy". Tre i poli in cui prenderà vita il progetto di formazione sportiva e culturale sul territorio di Roma: Cinecittà Bettini, Lodigiani e Futbolclub le strutture prescelte. La Roma, però, ha definito la collaborazione con il Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti, presso l'Acqua Acetosa, impianto che la società sta pensando di utilizzare anche in vista degli impegni della prima squadra e della Primavera. Motivi logistici, principalmente, per quanto riguarda la rosa di Rudi Garcia: già durante la passata stagione, su precisa indicazione del tecnico francese, la Roma ha utilizzato più volte l'Hotel Parco dei Principi (albergo vicino allo Stadio Olimpico) per ottimizzare i tempi e vivere il ritiro pre-partita senza le preoccupazioni dovute al traffico e agli spostamenti. I campi dell'Acqua Acetosa distano circa due chilometri dall'Olimpico, e, per questo, la Roma sta pensando di usufruirne per gli allenamenti di rifinitura dei match di Champions League. I campi, inoltre, ospiteranno le gare della Primavera nella Uefa Youth League, la Champions delle squadre di club under19, che prenderà il via a settembre e che vedrà impegnati i ragazzi di Alberto De Rossi nella più importante competizione europea a livello giovanile.

Fonte: LaRepubblica.it

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom