Rassegna Stampa

La Roma ritorna dagli States ma non ha trovato il centravanti

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 11-08-2013 - Ore 14:15

|
La Roma ritorna dagli States ma non ha trovato il centravanti

Chiusa la tournée americana con l’amichevole di ieri notte contro il Chelsea (oggi le repliche su Roma Channel alle 10, alle 14 e alle 20,30) la Roma ritorna alla «prosa» italiana. Che significa soprattutto una cosa: il mercato, in entrata e in uscita, per dare a Rudi Garcia la squadra per affrontare il campionato, con partenza il 25 agosto, alle 20,45, a Livorno. Inutile dire che il discorso principale gira intorno agli attaccanti e, più precisamente, al ruolo di punta centrale che, in questo momento, è ancora un grande punto interrogativo. Le storie che si intrecciano sono molte.

La prima è quella di Osvaldo, che dopo Southampton e Zenit è pronto a dire no anche al Wolfsburg. Un duro colpo per le strategie del d.s. Sabatini, visto che i tedeschi avevano offerto 20 milioni alla Roma e 2,8 all’anno al giocatore. Nell’ombra c’è sempre l’Inter di Mazzarri, grande estimatore dell’attaccante, ma la Roma non accetterà mai una cessione in prestito con obbligo di acquisto come vorrebbe l’Inter. Sarebbe suicida rafforzare così una diretta concorrente.

Borriello è «prigioniero» del suo contratto, Destro ancora da recuperare, Lamela prima punta è un’idea solo di Garcia (per ora) e per il tecnico Tottinon è un centravanti. Il capitano, tra l’altro, inizierà per la prima volta una stagione con il contratto in scadenza. Una novità che avrebbe preferito non provare a 37 anni da compiere il 27 settembre. Dall’Uruguay, intanto, si è rifatto vivo il ventenne Gonzalo Bueno: «Lo ribadisco: vorrei giocare in Italia. La Roma è una squadra molto importante, in Uruguay se ne parla sempre». L’impressione è che Rudi Garcia, in cambio di una relativa «morbidezza» sulla cessione di un attaccante, sia riuscito a bloccare le possibili cessioni di Pjanic e Castan. Il bosniaco, che conosceva fin da quando era ragazzino al Metz, è un punto di riferimento dentro e fuori dal campo. Il brasiliano ha guadagnato punti allenamento dopo allenamento. Garcia sa quanto sia importante partire con il piede giusto ed è convinto che alla seconda stagione in Italia non si possa che migliorare. 

Fonte: Corriere della Sera

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom