Rassegna Stampa

Il Torino corre e ha le idee chiare - La Roma cade e si scopre in crisi

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 26-09-2016 - Ore 07:29

|
Il Torino corre e ha le idee chiare - La Roma cade e si scopre in crisi

IL CORRIERE DELLA SERA - VALDISERRI - Un allenatore tanto bravo quanto sottovalutato, alla guida di un gruppo di talentini e di qualche scarto degli scarti, ha aperto nella Roma una crisi inaspettata solo per chi non guardava in faccia la realtà. Il Torino di Sinisa Mihajlovic segna tre gol, colpisce un palo e non fa goleada solo perché Szczesny era in vena di (inutili) miracoli. Miha rovina così due feste a Totti: quella per i 40 anni e quella per i 250 gol in campionato.

Luciano Spalletti è alla terza sconfitta in nove partite. L’anno scorso ne aveva subite altrettante ma in 21 partite e le squadre che l’avevano battuto si chiamavano Juventus e Real Madrid (due volte). L’allenatore è in grave confusione - come dimostrano i 10’ di Totti mediano nella ripresa, corretti con l’ingresso di Paredes per Perotti - ma pensa di avere ancora una carta da giocare: «Dobbiamo modificare qualcosa, perché così non si va avanti. Ci sono menti deboli che pensano che basti indossare questa maglia per ottenere risultati. La prima colpa è mia, ma adesso si cambia». Come? Con doppi allenamenti ogni giorno, con il probabile «ritiro» di Dzeko e il ritorno al 4-3-3, magari con Florenzi attaccante per equilibrare una squadra sgranata in campo. E potrebbe saltare anche qualche testa coronata con le forze al lumicino. La Juve è a +5, il Napoli a +4. Numeri, non opinioni. L’allenatore è davanti alla prova del fuoco. Molti giocatori sono stanchi di essere sempre sul banco degli imputati: secondo lui non hanno personalità, hanno il «piedino», adesso sono arrivate le «menti deboli». È sempre colpa loro. Nessuno ne contesta le qualità di stratega — anche se gli errori, da De Rossi difensore contro il Porto ai cambi di ieri, sono evidenti — ma parecchi sono perplessi (eufemismo) dello scaricabarile. Detto questo, i problemi sono anche e soprattutto di costruzione della rosa: Florenzi non è un terzino e Bruno Peres nemmeno, tanto più con la difesa a quattro e messo sulla fascia sbagliata; Manolas deve marcare avversari e compagni, vedi Fazio. A centrocampo la coperta è cortissima, visto che Pjanic e Keita non sono stati sostituiti. Dzeko e Salah segnano solo in casa, Perotti ed El Shaarawy rendono la metà dell’anno scorso.

L’analisi di Mihajlovic è stata semplice e affilata: «Sapevo che i loro terzini giocavano molto alti e ho chiesto ai miei attaccanti il sacrificio di seguirli, ma anche di essere pronti a ripartire ogni volta che recuperavamo palla». Il Torino, in campo, sapeva cosa fare.

Alberto De Rossi chiese anni fa Andrea Belotti per la Primavera giallorossa. Lo aveva apprezzato nell’Albinoleffe. Walter Sabatini gli ha preferito Jonathan Ferrante (oggi al Savoia in Lega Pro) e Valmir Berisha, il nuovo Ibrahimovic, che ora è senza contratto. Lo stesso Sabatini che, pur di tenere Iturbe ha dato Iago Falque e Ljajic al Torino e adesso pensa alle dimissioni. Magari non da solo.

Fonte: IL CORRIERE DELLA SERA-VALDISERRI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom