Rassegna Stampa

La Sampdoria "sfrontata" di Giampaolo, con Muriel in stato di grazia. Occhio a Torreira e Linnetty

condividi su facebook condividi su twitter Di: Davide Aprilini 11-09-2016 - Ore 11:00

|
La Sampdoria

Marco Giampaolo, 4-4-2 e centrocampo a rombo le mosse che lo hanno portato ad ottenere buoni risultati sulla panchina dell'Empoli. Stesso modulo e, per ora, risultati invariati nelle prime due partite. Due vittorie, una contro l'Empoli per 0-1 e l'altra per 2-1 ai danni dell'Atalanta di Gasperini. I blucerchiati sembrano rinnovati rispetto lo scorso anno, tra acquisti interessanti durante la sessione estiva di calciomercato e buone performance all'interno del rettangolo da gioco, la Samp di questo inizio campionato si candida tra le outsiders più interessanti della Serie A.

MODULO E PROBABILE FORMAZIONE – Come detto, molto probabilmente Giampaolo non cambierà la squadra vincente di questo avvio stagionale. 4-2-3-1. Viviano difenderà i pali blucerchiati; in difesa confermati sicuramente, da destra verso sinistra: Sala, Silvestre e Regini. Il terzino sinistro sarà ricoperto probabilmente da Pavlovic, che però è in ballottaggio con Dodò. Il centrocampo sarà composto dall'instancabile Barretto e dai nuovi acquisti promettenti Torreira e Linnetty. Dietro le punte Ricky Alvarez e la coppia d'attacco Muriel-Quagliarella. A disposizione ci sono anche i giovani talenti Praet e Schick, quest'ultimo accostato più volte alla Roma nel corso della campagna acquisti estiva.

UNA SAMPDORIA SFRONTATA - "Servirà una prova di grande personalità. Qualcuno all'Olimpico non ci ha mai giocato e neanche sa dove si trovi, altri invece sì. Dovremo essere responsabili, ma sfrontati. Turnover? I problemi secondo me vengono sulla terza partita in pochi giorni, quindi affronteremo questa cosa più in là. Nazionali? Quello dei convocati è un po’ un problema per tutte le squadre , penalizza un po’ tutti. Bisogna solo abituarsi. Con chi è rimasto ci siamo allenati, poi sono rientrati gli altri in settimana. Se sta bene chi è tornato? Sì, li ho ritrovati contenti e in condizione come quando sono partiti. Hanno giocato tutti e credo che rispondere alla convocazione sia un motivo di orgoglio. Anche se ovviamente si sono persi delle cose che abbiamo fatto in questi giorni". Parole chiare e dirette quelle di Giampaolo che affrontando la Roma del suo amico Spalletti non arriva all'Olimpico con un senso di arrendevolezza o facendo trasparire una gara votata alla difesa oltranzista. La sfrontatezza arriva anche da una squadra che sembra girare bene, con un Luis Muriel in più, apparentemente ritrovato e visibilmente in splendida forma fisica, come ha sottolineato nella conferenza stampa lo stesso tecnico blucerchiato: "Muriel? Stamattina si è allenato, si fa fatica a rinunciare a uno come lui, che peraltro è in stato di grazia. Domani gioca finché riesce". Il tecnico di Bellinzona ha poi aggiunto: "Essere gruppo è determinante. Se i ragazzi escono a cena insieme vuole dire che stanno bene gli uni con gli altri e questo ti dà qualcosa in più. Noi dobbiamo essere uniti anche quando le cose non vanno bene: è lì che dovremo fare bene". La richiesta di Giampaolo sarà sicuramente ascoltata anche dall'uruguaiano Lucas Torreira, il classe 96' che più sta incuriosendo in questo inizio di stagione, e Karol Linnetty, l'ex Lech Poznan su cui in molti hanno addirittura puntato il dito per questioni 'fantacalcistiche'; entrambi giocatori a cui stare attenti e su cui mettere gli occhi per la partita di questo pomeriggio.

DISTRAZIONI E PADRONI DI CASA – Come spesso accade la testa nell'ambiente Roma è rivolta momentaneamente a tutte questioni extracalcistiche, perdendo di vista il campo però si rischia di non vincere e perdere ulteriore terreno dalle squadre attualmente in testa alla classifica. La questione stadio infatti non deve distogliere i giocatori dall'obiettivo quotidiano: i tre, ovvi ma mai scontati, punti. Sono fondamentali i tre punti per lasciarsi dietro la delusione di Cagliari e la caduta in Champions contro il Porto. Luciano Spalletti conosce bene l'amico Giampaolo, sarà una partita tosta e difficile in cui la Roma dovrà ritrovare le misure in mezzo al campo per contrastare un avversario insidioso e, assolutamente, imporsi da padrona di casa.

Fonte: DAVIDE APRILINI - INSIDEROMA.COM

Hai apprezzato questo articolo?
Puoi sostenere Insideroma aderendo al progetto di crowdfunding!

Partecipa!

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom