Rassegna Stampa

La scalata di De Rossi. Scavalca Giannini e punta la Juventus

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 05-01-2014 - Ore 08:45

|
La scalata di De Rossi. Scavalca Giannini e punta la Juventus

Non aveva neanche vent’anni quando la Juventus provò a chiederlo a Franco Sensi nell’ambito dell’affare Davids. Di lui si diceva che fosse «bravino, ma spinto dal padre che lavora nelle giovanili» e che il vero talento del vivaio di Trigoria fosse Aquilani, di un anno più piccolo. Il presidente giallorosso, su ordine di Fabio Capello, chiuse sul nascere ogni trattativa e se oggi Daniele De Rossi diventa il secondo romanista con più presenze ufficiali nella storia del club il merito è anche di quel rifiuto di oltre dieci anni fa.

 

Record Davanti a lui, solo Francesco Totti. Con 437 presenze raggiunte stasera, De Rossi stacca un altro grande romanista del passato, Peppe Giannini. A 31 anni da compiere a luglio, l’ennesimo traguardo di una carriera che era e resterà giallorossa, nonostante si sia arrivati più volte a un passo dall’addio. L’ultima, appena qualche mese fa. Lo strappo tra De Rossi e la Roma, poi ricucito anche e soprattutto grazie a Garcia, si inizia a consumare proprio allo Juventus Stadium un anno e mezzo fa. La squadra di Zeman, tecnico con cui il centrocampista non lega fin dai primi sguardi, perde 4-1, è sotto 30 dopo appena 18 minuti e a fine partita De Rossi inveisce contro il boemo: «Chi parla di scudetto fa il male della Roma. E poi questa era una partita, non una guerra ».

 

 

Un altro derby L’aveva preparata così Zeman, secondo gran parte dei giocatori pensando solo alle sue battaglie personali e non al gioco da sviluppare in partita. Garcia, invece, in settimana ha parlato solo di quello, cercando di non caricare troppo la squadra. È consapevole che per tutti è una partita particolare, ma c’è chi, come i romani e romanisti De Rossi o Totti, la vive con uno stato d’animo ancora diverso. Non un derby, ma quasi.Anche se proprio Daniele in passato ha ammesso come, viste le tante sfide degli anni scorsi, dopo la Lazio per lui l’avversaria numero uno fosse l’Inter.

 

 

Amici mai Contro il suo amico Pirlo, contro una squadra che in carriera lo ha battuto già otto volte, contro tanti compagni di nazionale, contro chi ha condiviso con lui anni speciali a Trigoria ai tempi di Spalletti (Vucinic e il preparatore atletico Bertelli) De Rossi cerca stasera i tre punti e il primo gol in casa della Juventus. Ha segnato ai bianconeri due volte ma sempre all’Olimpico, è stato ammonito in 5 occasioni e la sua media voto contro i bianconeri non raggiunge la sufficienza e si ferma a 5.96: dunque, ha tanti motivi di rivalsa, ma soprattutto — ha confidato nei giorni scorsi a chi gli è accanto — si vuole mettere alle spalle le umiliazioni subite nelle ultime tre partite a Torino: 11 gol subiti, 1 solo ed inutile fatto. Sarebbe l’ennesima confermache, quel rifiuto al Manchester di quest’estate, è stata la scelta giusta. Un po’ come quella che fecero Capello e Sensi quando Daniele era poco più di un ragazzino.

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom