Rassegna Stampa

La travolgente passione del patron per i maghi del pallone

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-07-2015 - Ore 07:21

|
La travolgente passione del patron per i maghi del pallone

IL MESSAGGERO - FERRETTI - Se lo dice lui, Pulvirenti Antonino da Catania, uomo d’onore con la passione per i trenini, c’è da crederci a scatola chiusa. Se afferma, sotto giuramento, che nelle telefonate intercorse con il cattolicissimo Claudio Lotito durante l’opera di salvataggio del Catania si parlava solo ed esclusivamente di maghi e magie è la pura, sacrosanta verità. «Prima mi ha consigliato una maga vicino a Catania, ma non ha funzionato. Poi un’altra, molto brava e laureata, e in effetti dopo abbiamo vinto con l’Avellino», la sua confessione al pm. «Ma quale maga: a Pulvirenti che si lamentava per i mille guai personali e familiari che gli erano capitati ho suggerito il nome di un esorcista», la conferma (a modo suo) del presidente della Lazio. Non nuovo, del resto, ad associare esoterismo, magia e affini al mondo del pallone. Nell’autunno del 2013, ad esempio, con la Roma di Rudi Garcia lanciatissima verso il record di vittorie iniziali consecutive, a Lotito è stata attribuita una eloquentissima dichiarazione. «James Pallotta ha ingaggiato cinque maghi che lavorano costantemente tra Trigoria e lo stadio Olimpico per far vincere la Roma». 
LA MAGICA Con tanto di telefonata sul tema all’amico De Laurentiis dopo il successo della Roma sul Napoli. «Aure’ lo sai perché avete perso? I maghi di Pallotta hanno suggerito di far alzare Maradona dagli spalti a fine primo tempo per eliminare gli influssi negativi...». Maradona via dalla tribuna e gol di Pjanic su punizione, per la cronaca. A Trigoria, la casa della Magica, la presero a ridere. «Abbiamo 5 maghi, 4 stregoni, 3 veggenti, 2 ciarlatani e 1 giullare di corte», la replica divertita di Jim Pallotta. Poi, non a caso, in occasione della partita contro il Chievo, all’Olimpico apparvero cinque maghi in divisa d’ordinanza che si esibirono in una passerella sulla pista d’atletica davanti ai tifosi. «In tribuna oggi c’era anche Harry Potter...», scherzò il dg Mauro Baldissoni, beccato pochi giorni dopo dall’irrefrenabile Lotito. «A Baldisso’ hai visto? Maghi e macumbe alla fine si ritorcono contro. Nella città eterna di Santa Romana Chiesa queste cose vengono punite... Non a caso ci sono gli esorcisti». In verità, nel calcio ci sono soprattutto i maghi del gol, quelli che ti fanno vincere davvero le partite. Basta volerli o saperli ingaggiare.

Fonte: IL MESSAGGERO - FERRETTI

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom