Rassegna Stampa

Lamela: “Spero che vinca la Roma, può arrivare lontano”

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 21-09-2013 - Ore 10:15

|
Lamela: “Spero che vinca la Roma, può arrivare lontano”

«Erik, Erik», urlano i giovanissimi tifosi del Tottenham quando Lamelaesce dallo stadio e si dirige verso il parcheggio riservato ai giocatori. L’argentino scalpita perché il calcio inglese non dà tregua: la partita di Europa League con i norvegesi del Tromso è finita da un’ora e mezza e già si pensa alla prossima gara.

 

Domani gli Spurs giocano a Cardiff, mentre martedì saranno in campo a Birmingham, in casa dell’Aston Villa, in Coppa di Lega. Villas Boas è furibondo con i vertici federali perché tre gare nello spazio di 96 ore sono un massacro e un rischio. Ci vuole un fisico bestiale per sopportare i ritmi di questo calcio e Lamela ha tutto, fuorché l’apparenza di un Superman.

 

Ma ha una cosa che da queste parti latita e spiega perché i tifosi degli Spurs siano già innamorati di lui: il talento. Gli altri galoppano come bisonti, lui corre con la leggerezza di un ballerino. C’è davvero la bellezza del tango nei suoi movimenti e l’assist per l’10 di Defoe è stato il primo acuto della sua avventura inglese.

 

Come procede l’inserimento in questa nuova realtà?

«Bene, bene. È un calcio diverso, ma mi sto inserendo senza problemi».

 

Vedrà il derby di Roma?

«Sicuramente e auguro di cuore alla mia ex squadra di vincere».

 

Che effetto fa la Roma capolista?

«La cosa non mi sorprende perché la squadra è molto forte e può arrivare lontano. Sono convinto che il meglio debba ancora venire».

 

Che cosa le resta dell’esperienza romana?

«Sono stati due anni fondamentali per la mia crescita. Ho tanti bei ricordi. È mancato solo un trofeo importante. Ora però devo guardare avanti e spero di vincere in Inghilterra».

 

Totti ha firmato il nuovo contratto e il 27 settembre festeggerà i 37 anni.

«Sono contento per Francesco perché lui è la storia della Roma. Gli auguro di trascorrere un buon compleanno, magari con la soddisfazione di aver vinto il derby».

 

Ci sarebbero da dire altre cose: la verità sulla sua cessione, i rapporti con Garcia, i progetti in vista del Mondiale, ma Lamela scappa. Ci saranno altre occasioni: prima o poi la verità sull’addio alla Roma verrà a galla. Come spesso è accaduto in passato, la responsabilità è stata addossata al giocatore «perché voleva un contratto spropositato». Perché non dire la verità, e cioè che Lamela è stato venduto perché 30 milioni facevano comodo alle casse della Roma?

Fonte: Gasport

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom