Rassegna Stampa

Largo ai giovani, ecco Tavecchio

condividi su facebook condividi su twitter Redazione 01-07-2014 - Ore 09:42

|
Largo ai giovani, ecco Tavecchio

Altro che anno zero del calcio, a via Allegri si va verso la conferma dello status quo. Si è conclusa con un nulla di fatto la riunione del Consiglio Federale indetto dal presidente dimissionario Giancarlo Abete, che avrebbe dovuto decidere sulla sua successione alla guida della Figc e anche sul nome del nuovo commissario tecnico della Nazionale. Sia per l’uno sia per l’altro tutto è stato rinviato all’11 agosto e a un nuovo Consiglio, in cui avverranno contestualmente l’elezione del presidente e la nomina del tecnico che meno di un mese più tardi siederà sulla panchina dell’Italia per la prima gara di qualificazione a Euro 2016 in casa della Norvegia. Decisione che con ogni probabilità spetterà a Carlo Tavecchio, settantunenne presidente della ricchissima Lega Nazionale Dilettanti, candidato numero uno alla successione di Abete. L’ormai ex presidente aveva tentato di andare in Consiglio con un’intesa di massima già raggiunta, ma l’auspicata pre-riunione non si è mai tenuta per la ferma opposizione proprio di Tavecchio: «Non avrebbe senso decidere oggi (ier, ndr) il nuovo ct perché sarà il Consiglio dell’11 agosto a nominarlo».

Consiglio che probabilmente eleggerà Tavecchio a capo della Figc. Un politico in senso stretto, tanto quanto lo era Abete, rispetto a nomi più “tecnici” (e per questo caldeggiati da Assocalciatori e Assoallenatori) quali quelli di Demetrio Albertini e Simone Perrotta, giovani e provenienti dal campo più che dal palazzo. Con buona pace della rivoluzione prospettata subito dopo la sconfitta con l’Uruguay, dalle cui macerie avrebbe dovuto risorgere un calcio diverso, e che invece rischia di essere ricordata più per le polemiche di spogliatoio che per gli effetti sul movimento in generale. Si parlava di un nuovo ’74, si va verso un altro 2006. La nomina di Tavecchio porterebbe con sé un nome per la panchina azzurra, quello di Francesco Guidolin, soluzione in linea con la politica di spending review prospettata dall’attuale presidente Lnd. «A me piacciono le persone normali, che vivono con modestia la normalità – ha detto Tavecchio – Se dipenderà dalla nuova governance, il prossimo ct non potrà essere milionario».

Parole che sembrano allontanare l’ipotesi Mancini, il candidato di Malagò, e in parte anche quella Allegri, favorito dell’ala tecnica guidata da Albertini. «Siamo noti nel mondo per il Centro Tecnico di Coverciano – ha aggiunto Tavecchio – Abbiamo tecnici preparati, bisogna sfruttare questo patrimonio. Dipendesse da me, vorrei una una persona di alto prestigio assistita dai giovani». Della candidatura Tavecchio ha parlato Damiano Tommasi, non senza un filo di scetticismo: «La cosa importante è il programma – ha detto il presidente dell’Aic – La mia percezione è che da qui all’11 agosto la sua candidatura non sarà l’unica. Non dimentichiamoci che sarà una presidenza biennale e non per un quadriennio. Albertini? Non so se ci ripenserà, in ogni caso la priorità delle componenti tecniche è riportare al centro il progetto sportivo. Più che una cantera di allenatori o di calciatori, in questo momento nel calcio italiano serve una cantera di dirigenti».

LA POLEMICA Intanto, con l’ormai abituale dichiarazione rilasciata all’Ansa, Barbara Berlusconi è intervenuta e ha attaccato piuttosto duramente la Federazione: «Il governo del calcio italiano va rifondato: spazio a quarantenni preparati – le parole dell’amministratore delegato rossonero – Non è solo un problema di persone, ma anche di regole, per cambiare una governance litigiosa e senza visione». La replica di Tavecchio non si è fatta attendere: «Siamo sull’onda della nouvelle vague, ma alla giovane signora rispondo che contano i fatti e i fatti sono questi. La Figic è un’associazione di tesserati e, se permette, con tutto il rispetto, saranno questi a decidere chi sarà il nuovo presidente». Salomonico il dimissionario Abete: «Dirigenza giovane? Le qualità prescindono dall’età». Appunto.

Fonte: IL ROMANISTA - META

commentiLascia un commento

Nome:  

Invia commento

chiudi popup Damicom